Asiago Dop, tutela accordi Ue importante ma da sola non basta

Innocenzi, necessarie azioni di promozione e organizzazione

Redazione ANSA BRUXELLES

BRUXELLES - "La tutela legale da accordi internazionali è importante, ma da sola non basta, va accompagnata dalla promozione e da sforzi continui nei mercati di esportazione". Così il direttore del Consorzio Tutela Formaggio Asiago Flavio Innocenzi risponde all'ANSA circa le recenti polemiche sulle deroghe alle tutele di alcuni formaggi italiani Dop e Igp nell'accordo commerciale stipulato da Ue e Giappone.

La denominazione in questione è tra quelle soggette a eccezione nell'accordo. In quel paese, precisa Innocenzi, "il nostro marchio è registrato e protetto, ma a prescindere dall'esito dei negoziati sulle Dop, che sono importanti, per esportare ci vogliono organizzazione, pianificazione, marketing e capacità di aggredire i mercati".

Innocenzi ha presentato a Bruxelles alla Commissione europea i risultati preliminari di 'Uncommon Flavours of Europe', campagna triennale di promozione negli Usa e in Canada dei Consorzi di Tutela Formaggio Asiago, Speck Alto Adige e Pecorino Romano. Il progetto ha un valore complessivo di 2,5 milioni, di cui l'80% è finanziato dall'Ue, è iniziato l'anno scorso e terminerà nel 2019.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute."