Alimenti, in Ue segnalazioni prodotti pericolosi in aumento

Rapporto Rasff, 'aumenta partecipazione Paesi membri'

Redazione ANSA BRUXELLES

BRUXELLES - Aumentano per il quinto anno consecutivo le segnalazioni su prodotti che comportano rischi per la salute nel sistema Ue di allerta rapido su alimenti e mangimi (Rasff). È quanto emerge dal rapporto annuale Rasff, riferito alle notifiche 2018. Gli avvisi di allerta, che riguardano la circolazione di prodotti non sicuri sul mercato, sono aumentate del 19% rispetto al 2017, con il 13% in più di risposte da parte dei diversi Paesi. Calano gli avvisi di respingimento alle frontiere. Così i dati complessivi presentano una diminuzione del 4% nelle notifiche (che comprendono allerta, respingimento alle frontiere o semplici scambi di informazione) e un aumento del 14% delle notifiche di risposta. Segnale, si legge nel rapporto, che "il numero complessivo di notifiche è stabile, mentre la partecipazione degli Stati membri è in aumento". L'Italia è uno dei Paesi più attivi nel network, con 400 notifiche originali e oltre 750 notifiche di risposta. Il maggior numero di notifiche riguarda microorganismi (979), micotossine (655) e residui di pesticidi (276).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute."