Reddito, terra e conoscenza priorità giovani agricoltori Ue

Sondaggio Ceja-LaVal, ambiente fondamentale per 90% intervistati

Redazione ANSA BRUXELLES

BRUXELLES - Oltre il sostegno al reddito i giovani agricoltori Ue considerano essenziale l'accesso alla terra e alla conoscenza, con quasi il 90% che si sente responsabile per la performance ambientale della propria azienda e quasi il 70% che chiede misure "concretamente applicabili". E' quanto emerge da un'indagine a campione realizzata dal Ceja (l'organizzazione europea dei giovani agricoltori) con il supporto di DeLaval (azienda specializzata in prodotti e servizi per l'allevamento da latte). Un giusto livello di reddito (59,2% degli intervistati) e l'accesso alla terra (50,8%) sono visti come gli elementi essenziali per la sostenibilità delle aziende degli under 40.

Gli investimenti di cui più si sente più necessità sono l'aumento delle superfici aziendali (42,1%) e lo sviluppo delle conoscenze (38,8%). L'istruzione e la formazione sono inoltre indicati da quasi il 60% (58,8%) degli intervistati come la il fattore più importante per vivere dignitosamente nelle aree rurali. Secondo il sondaggio, la mancanza di questi elementi rendono il futuro molto incerto, tanto che quasi il 20% degli imprenditori intervistati non vede il proprio futuro nell'agricoltura.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute."