Corte Conti Ue, aiuti a giovani agricoltori poco efficaci

Audit condotto anche in Italia, in Puglia ed Emilia-Romagna

Redazione ANSA BRUXELLES

BRUXELLES - Procedure troppo lunghe e complesse per accedere agli aiuti, scarso coordinamento tra misure Ue e nazionali e interventi troppo standardizzati. Sono alcuni dei limiti del sostegno pubblico agli imprenditori agricoli under 40 e al rinnovamento generazionale in agricoltura individuati da una relazione della Corte dei Conti europea.

L'audit è stato condotto in Francia, Spagna, Polonia e Italia, i tre paesi Ue che più risorse hanno impegnato per i giovani agricoltori nel periodo 2007-2020. In generale, gli ispettori Ue ravvisano una mancanza di coordinamento tra le misure a favore del ricambio generazionale previste dal fondo per lo sviluppo rurale e quelle del fondo per gli aiuti diretti. La tipologia di sostegno appare inoltre troppo standardizzata e non risponde alle esigenze specifiche dei giovani agricoltori.

Nel nostro paese, gli audit hanno interessato la Puglia e l'Emilia-Romagna, con esempi di eccellenza per la sinergia tra diverse misure dello sviluppo rurale e buona tempistica nell'erogazione degli aiuti, ma anche con un elevato rischio di corrispondere aiuti a soggetti under 40 che non possono essere considerati agricoltori in attività. "Per rendere gli aiuti efficaci - ha affermato Janusz Wojciechowski, responsabile della relazione - l'Ue e gli Stati membri devono definire meglio chi intendono aiutare e in seguito, concentrarsi sulla misurazione dei progressi compiuti".

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute."