Olio, parte aiuto Ue per l'immagazzinamento

Via alla prima di quattro gare per accedere a pagamento spese

Redazione ANSA BRUXELLES

BRUXELLES - Gli operatori del mercato dell'olio dei Paesi produttori Ue (Grecia, Spagna, Francia, Croazia, Italia, Cipro, Malta, Portogallo e Slovenia) hanno tempo fino al 26 novembre per fare domanda alle rispettive autorità nazionali per avere accesso alla copertura delle spese di immagazzinamento per l'olio di oliva. E' la prima delle quattro gare prevista dal regime di aiuto all'ammasso privato autorizzato da Bruxelles l'11 novembre.

La misura riguarda l'olio d'oliva sfuso vergine, extravergine e lampante, ed è stata resa necessaria dal crollo dei prezzi in Spagna, conseguenza di una buona raccolta 2019/20 e di stock 2018/19 a livelli record. In questa situazione immagazzinare l'olio, spiegano dalla Commissione europea, potrebbe alleggerire la pressione sui prezzi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute."