Truffe: false aziende bio, sequestrate 10 tonnellate di pesticidi

Operazione della Guardia di Finanza nel ragusano, denunciati nove produttori

Redazione ANSA

PALERMO - Oltre 10 tonnellate tra prodotti chimici, fertilizzanti, concimi, sementi alterate e pesticidi rigorosamente vietati in agricoltura biologica sono stati sequestrati nel ragusano dalla Guardia di Finanza nell'ambito di una operazione nei confronti di aziende certificate "Bio" che percepivano indebitamente anche contributi dalla Ue. 

I finanzieri del Comando Provinciale di Ragusa hanno eseguito complessivamente 15 provvedimenti di perquisizione e sequestro emessi dalla locale Procura della Repubblica nei confronti, tra gli altri, di 9 titolari di aziende agricole, tutti indagati per i reati di frode in Commercio e truffa aggravata ai danni dello Stato e dell'Unione Europea, nell'ambito di una complessa indagine di polizia tributaria e giudiziaria, che ha portato alla luce una indebita percezione di finanziamenti ed incentivi all'agricoltura per circa 1 milione di euro ed una maxi frode commerciale nel settore agroalimentare "Biologico" siciliano.

 

rigorosamente vietati in agricoltura biologica sono stati
sequestrati nel ragusano dalla Guardia di Finanza nell'ambito di
una operazione nei confronti di aziende certificate "Bio" che
percepivano indebitamente anche contributi dalla Ue. 
   I finanzieri del Comando Provinciale di Ragusa hanno eseguito
complessivamente 15 provvedimenti di perquisizione e sequestro
emessi dalla locale Procura della Repubblica nei confronti, tra
gli altri, di 9 titolari di aziende agricole, tutti indagati per
i reati di frode in Commercio e truffa aggravata ai danni dello
Stato e dell'Unione Europea, nell'ambito di una complessa
indagine di polizia tributaria e giudiziaria, che ha portato
alla luce una indebita percezione di finanziamenti ed incentivi
all'agricoltura per circa 1 milione di euro ed una maxi frode
commerciale nel settore agroalimentare "Biologico"
siciliano.(ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute."