Pesticidi: Ue, ok sistema test Italia ma accorciare tempi

Ministero Salute, raccomandazioni già recepite

Redazione ANSA BRUXELLES

BRUXELLES - Il programma nazionale di controllo dei residui di pesticidi "copre una vasta gamma di prodotti e rischi correlati, con chiare responsabilità e laboratori accreditati" e l'Italia esamina più campioni della media Ue. Ma il sistema potrebbe diventare più efficace con "chiare istruzioni sui compiti obbligatori per i laboratori", l'aumento del numero di sostanze controllate e tempi più brevi "nella comunicazione dei risultati analitici". E' quanto si legge nel rapporto della Commissione europea sul sistema di controllo sui residui di pesticidi, che segue un audit condotto in Italia nell'ottobre 2019.

"Il Ministero della salute - si legge nella risposta del governo italiano allegata al rapporto - il 9 gennaio 2020 ha trasmesso alle Regioni e ai laboratori nazionali di riferimento una nota allegata con l'invito a dare seguito alle raccomandazioni contenute nel documento".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute."

Modifica consenso Cookie