Agricoltura: 80 Ong, Pac sia più verde e più giusta

Manifestazione al Consiglio Ue. Slow Food, alimenti al centro

Redazione ANSA BRUXELLES

BRUXELLES - La riforma della politica agricola comune Ue deve tenere in maggior conto gli aspetti ambientali, sociali e alimentari della produzione agricola. E' l'appello di oltre 80 associazioni ambientaliste, di agricoltori e cittadini (dal Wwf a Slow Food, dall'Aiab alla Lipu) che hanno manifestato davanti al Palazzo del Consiglio Ue a Bruxelles, dove oggi i ministri dell'agricoltura hanno discusso di riforma della Pac. Gli attivisti hanno realizzato una 'disco soup': preparano le verdure per una zuppa cucinata a ritmo di musica e percussioni improvvisate, come pentole e coperchi.

 

"Chiediamo che la politica agricola comune del futuro - spiega Marta Messa di Slow Food Europa - sia più verde, nel senso che deve rispettare l'ambiente, più giusta perché deve rispettare le persone come i contadini europei e di tutto il mondo anche attraverso il commercio internazionale, e che dia più importanza alla salute dei cittadini. Una politica agricola che deve diventare politica alimentare in senso completo per adottare un approccio complessivo e non solo settoriale come oggi".

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute."