Emergenza caldo: Ue, ok a pascolo su terre agricole a riposo

Siccità mette a rischio allevamenti Nord Europa

Redazione ANSA BRUXELLES

BRUXELLES - Per far fronte alla prolungata siccità nel Nord Europa la Commissione europea ha accolto la richiesta di 8 Paesi di sospendere temporaneamente l'obbligo per gli agricoltori di diversificare i raccolti e di mantenere aree a interesse ecologico, come pascoli e prati. La decisione, che riguarda Danimarca, Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia, Finlandia, Portogallo e Svezia è dovuta alla scarsità delle precipitazioni e a temperature record che hanno sconvolto i cicli vegetativi mettendo a rischio, tra l'altro, le forniture di alcune tipologie di mangimi per gli animali. Autorizzare il pascolo e il taglio dell'erba nelle aree 'a riposo' può compensare il deficit di mangimi. La dispensa dall'obbligo di applicare le misure 'verdi' sarà concessa solo agli agricoltori nelle aree ufficialmente colpite da siccità e in cui si pratica l'allevamento.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute."