Turismo: a Sant'Agata Feltria caccia al tartufo con i cani

Domeniche d'ottobre tra degustazioni e stand gastronomici

Redazione ANSA

RIMINI, 12 OTT - A sud di Rimini, tra le Valli del Marecchia e del Savio, Sant'Agata Feltria (Rimini) è un suggestivo borgo dell'entroterra romagnolo che dai suoi boschi trae un alimento prezioso: il tartufo bianco pregiato.
Il Tuber Magnatum Pico, detto in termini scientifici, si trova dalla fine dell'estate al primo inverno, dalla pianura fino a un'altitudine di 600 metri, in terreni con rilevante umidità. Il tartufo di Sant'Agata Feltria viene addirittura festeggiato tutte le domeniche di ottobre con una Fiera Nazionale che rende unico ogni angolo del paese. Appuntamento il 15, 22 e 29 ottobre con profumi e sapori tra degustazioni, stand gastronomici che propongono non solo tartufo, ma anche altri prodotti tipici autunnali dell'Appennino romagnolo, spettacoli itineranti e una divertente gara con i cani da tartufo.
E proprio per chi vuole provare l'emozione della "caccia" al tartufo con i cani e per team building aziendali è stato pensato un pacchetto soggiorno che prevede anche un'uscita di due ore nei boschi, con l'adeguata attrezzatura, in compagnia di un esperto tartufaio e del suo fidato cane. Un'esperienza unica, cui segue - una volta rientrati - la degustazione del prelibato tubero.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in