Hackability Barilla, designer e disabili

Gara tra team interdisciplinari su packaging e cucina

(ANSA) - BOLOGNA, 18 SET - Una gara tra team interdisciplinari, in cui persone con disabilità, designer e maker potranno immaginare strumenti per cucinare e nuovi packaging adatti alle esigenze delle persone con bisogni speciali. E' 'Hackability@Barilla', iniziativa che sarà ospitata nella sede del gruppo di Parma a partire da quest'inverno, con l'invito ai dipendenti a partecipare e mettendo a disposizione le proprie competenze specifiche, per trovare soluzioni adatte per persone con disabilità e degli anziani.
    La metodologia Hackability è nata a Torino nel 2015. Oggi è considerata tra le più interessanti esperienze di co-progettazione italiane, selezionata nel giugno 2017 dalla Commissione Europea, all'interno della European social innovation competition, come una delle 30 esperienze in grado di diffondere i vantaggi del cambiamento tecnologico in Europa.
    "Abbiamo portato Hackability nei Fablab, dentro le università, nel mondo della cooperazione e del sociale, per far crescere una community che tramite la co-progettazione, il design, la digital fabrication supporti l'individuazione di soluzioni nuove, personalizzate, in grado di soddisfare i bisogni delle persone con disabilità nella vita quotidiana.
    Affrontare il tema del packaging e dell'autonomia in cucina è una grande sfida e l'incontro con la grande impresa cala la co-progettazione in un contesto reale e amplifica la possibilità di un reale impatto sociale e culturale", ha detto il coordinatore del progetto, Carlo Boccazzi Varotto, che coordina il progetto. "L'iniziativa di Hackability - ha aggiunto Giancarlo Minervini, Barilla VP Global Process Development e Barilla Diversity & Inclusion Board Member -è molto coerente con l'impegno che Barilla ha assunto relativamente alle tematiche di diversità, inclusione e uguaglianza. Si tratta di una iniziativa di sostenibilità sociale, che ci stimola a essere più attenti alle disabilità fisiche e cognitive già in fase di progettazione, per pensare (o ripensare) a come offrire una 'esperienza di utilizzo' più accessibile e più equilibrata, consapevoli del fatto che una soluzione non possa andar bene per tutti". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Aeroporto di Bologna