Ricerca: E-R 70% capacità calcolo Italia

Dalla Regione una spinta per mettere insieme le eccellenze

(ANSA) - BOLOGNA, 8 FEB - E' in Emilia-Romagna e in particolare a Bologna il 70% delle risorse di calcolo nazionale.
    Un vera e propria 'Community' dei big data che raccoglie, lungo la via Emilia, 1791 ricercatori, 230 ricercatori stranieri, 60 incontri di alta formazione. Ora, dopo aver fatto una ricognizione di questo tesoro, su impulso della Regione Emilia-Romagna l'obiettivo è quello di favorirne 'lo sfruttamento' anche da parte dell'impresa facendo di Bologna e della regione un grande hub europeo della ricerca, perno essenziale di quella rete europea della ricerca, asse essenziale di rilancio dell'Unione. "Ringrazio la grande determinazione e competenza che l'assessore Patrizio Bianchi insieme a Palma Costi ci sta mettendo con tutte le Università e i centri di ricerca - ha detto il presidente della Regione, Stefano Bonaccini - le cose che abbiamo provato a illustrare danno l'idea di uno sforzo che vuole non disperdere le tante professionalità, competenze ed energie che ci sono che però se rimangono da sole rischiano di essere forze isolate, messe insieme possono sprigionare una grande opportunità". A Bologna, si trovano supercomputer di eccellenza, come quelli del Cineca o dell'Istituto nazionale di fisica nucleare.
    Pezzi di una rete composta da Università (Bologna, Ferrara e Modena-Reggio), Cnr, Enea, Ingv, Ior. Quello del supercalcolo e dei big data - ha ricordato l'assessore Costi - di cui è stata è uno dei tre grandi settori (gli altri sono materiali avanzati e sistei di produzione innovativi; e genomica, medicina rigenerativa e biobanche) per le quali la regione ha allocato risorse per 7 milioni. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Aeroporto di Bologna