Nell'Adriatico più tartarughe e delfini

Analisi in acque E-R, nessun caso di inquinamento nel 2018

Più tartarughe marine e delfini, nessun caso di inquinamento o della microalga 'Ostreopsis ovata' e calo delle cosiddette 'noci di mare', organismi gelatinosi simili alle meduse non urticanti ma pericolosi per l'ecosistema marino e in particolare per la pesca: è lo stato di salute dell'Adriatico romagnolo secondo le analisi effettuate nel 2018 dalla struttura oceanografica Daphne di Arpae Emilia-Romagna.

Le uniche criticità rilevate, afferma Carla Rita Ferrari, responsabile Daphne, "sono legate agli abbondanti apporti di acque dolci da parte dei fiumi, che hanno innescato alcuni fenomeni eutrofici con presenza di macroalghe ai primi di agosto nella zona centrale della costa, a ridosso della battigia. Nel 2017, anno in cui abbiamo registrato scarsi apporti idrici da parte dei fiumi, le condizioni del mare erano ottime, a ulteriore conferma della stretta correlazione del sistema Padano-Adriatico".

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Aeroporto di Bologna