Gp Monaco:Hamilton, 'Lauda mio complice'

Inglese Mercedes: 'Per miglior tempo ho scavato dentro di me'

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - ''Niki era il mio complice, lui mi ha convinto a venire alla Mercedes e lui mi aiutava a migliorare la macchina''. Nel giorno della pole position a Montecarlo, il pensiero di Lewis Hamilton è ancora per Niki Lauda scomparso nella notte tra lunedì e martedì scorso all'età di 70 anni.
    ''Non lo dimenticheremo mai - aggiunge il campione del mondo della Mercedes - i nostri pensieri saranno sempre per lui''.
    Poi Hamilton parla di Monaco e della sua prestazione: "Grazie al pubblico, qui è casa mia. Questa è una gara che ogni pilota sogna di vincere sin da ragazzino, è sempre un sogno e cerchi di dare sempre tutto quello che hai. Macchina splendida, bellissima battaglia con Valtteri che è stato velocissimo per tutto il weekend. La voglia di conquistare questa pole, che significa così tanto per me, mi ha portato a scavare dentro di me più che mai. Grazie al mio team, il giro è stato incredibile, mi sento magnificamente ora''.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai alla rubrica: Pianeta Camere
        Aeroporto di Bologna