Bimbo ebreo aggredito a Ferrara: 'Riapriremo i forni'

Episodio denunciato in una scuola media ferrarese, 'nasce da ragazzini con fragilità'

"Quando saremo grandi faremo riaprire Auschwitz e vi ficcheremo tutti nei forni...". Sarebbe questa la frase 'choc' che alcuni ragazzini di una scuola media di Ferrara avrebbero rivolto a un compagno, coetaneo, prendendolo per il collo negli spogliatoi della palestra. A riportare l'episodio è il Resto del Carlino con la testimonianza della rappresentante di classe, e madre di una alunna della scuola, anche lei di origine ebraica e nipote di sopravvissuti ai campi di sterminio nazisti, e della dirigente scolastica.

È un insulto che nasce "da bambini di prima media di 11 anni, che hanno qualche problema di fragilità" e che, nel momento in cui è avvenuto, una settimana fa, "era stato affrontato" e "chiuso" dagli insegnanti con gli alunni "riportando coscienza di ciò che si era detto" e "recuperando un rapporto con l'intera classe per chi se ne sentiva escluso". Così il sindaco di Ferrara Tiziano Tagliani precisa all'ANSA il contesto in cui nasce l'episodio. Una situazione, sottolinea, che "resta grave" perché "i bambini non inventano cose", ma che "per come è stato affrontato" a scuola "è piuttosto un esempio di integrazione".

Dell'episodio, che avviene nella città di Giorgio Bassani e che ospita il Museo nazionale dell'ebraismo italiano e della Shoah, è stata informata la dirigente scolastica dell'istituto. "Il bambino che ha commesso questo spiacevole gesto nei confronti del compagno di religione ebraica - ha detto al Carlino - ha già avuto modo di scusarsi con la professoressa, con tanto di pianto, promettendo che queste cose non si ripeteranno mai più".

Sul caso intanto una relazione scritta è stata inviata all'ufficio scolastico territoriale. Intervenuto anche il ministro dell'Istruzione Marco Bussetti: "La scuola è e deve essere luogo di solidarietà, di inclusione, di accoglienza, di condivisione, di pace. Non sono tollerabili atti di antisemitismo e di razzismo. Per questo, ho attivato subito il nostro Ufficio Scolastico Regionale per l'Emilia-Romagna chiedendo di approfondire il caso emerso in una scuola di Ferrara e di fornire ogni supporto necessario affinché non si ripeta nulla di simile in futuro", ha scritto su Facebook.

Una frase "grave" anche se chi l'ha pronunciata, un ragazzino delle medie, "probabilmente non se ne è nemmeno reso conto", ha detto il rabbino capo di Ferrara Luciano Meir Caro, annunciando che "nei prossimi giorni" si recherà nell'istituto per "raccontare ai ragazzini cosa è stata la Shoah". Il caso "forse è stato un po' amplificato, in buona fede", aggiunge il rabbino capo, perché la vicenda "è già rientrata, e circoscritta". "Collocherei l'episodio in un ambito di ignoranza di due bambini che litigano", ha proseguito Meir Caro, "senza un retroterreno" antisemita. Insulti comunque "gravi" sottolinea, perché "riflettono" quello che i più piccoli "respirano negli stadi, nei manifesti per strada, e non si rendono conto della gravità" di certe affermazioni.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
      TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

      Video ANSA


      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Aeroporto di Bologna