UniBo brevetta protesi rigenera tendini

Dispositivo in grado di riparare i tessuti danneggiati

Un dispositivo impiantabile che permette di sostituire (prima) e rigenerare (poi) il tessuto di un tendine o di un legamento danneggiato. È l'invenzione messa a punto da un gruppo di ricercatori dell'Università di Bologna: un supporto - tecnicamente noto come "scaffold" - in grado di riprodurre le caratteristiche meccaniche, morfologiche e fisiologiche non solo del tessuto tendineo o legamentoso, ma potenzialmente anche di quello muscolare e nervoso.

Brevettato dall'Ateneo bolognese, spiegano i ricercatori, "lo strumento consente di rigenerare un tendine o un legamento lesionato. Dopo essere stato impiantato in corrispondenza dell'area danneggiata, lo 'scaffold' viene colonizzato dalle cellule che riproducono così progressivamente il tessuto nella sua struttura originale". Nella forma messa a punto a Bologna, il dispositivo di supporto si degrada naturalmente, lasciando spazio ai tessuti rigenerati.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Aeroporto di Bologna