8 marzo, neosenatrice Lega contestata

Borgonzoni, stavamo rientrando in Comune. Ci hanno circondato

(ANSA) - BOLOGNA, 8 MAR - La neoeletta senatrice per la Lega, Lucia Borgonzoni, è stata contestata in Piazza Maggiore a Bologna dalle partecipanti al presidio convocato da 'Non una di meno' in occasione dell'8 marzo. Quando Borgonzoni si è avvicinata ai manifestanti che stazionavano appena fuori il Palazzo comunale insieme al capogruppo in Comune di Forza Italia, Marco Lisei, sono partiti cori: "Siamo tutte antifasciste", "fuori" e "via, via, via leghisti e polizia", quando un cordone leggero di polizia si è frapposto tra i due fronti. "Ci hanno circondato - ha detto Borgonzoni parlando con i giornalisti - eravamo di passaggio: stavamo rientrando dentro il Comune. La Piazza è una piazza di tutti. Per loro una donna di centrodestra può essere insultata e spintonata. E' stridente con quello che dovrebbe essere oggi la giornata in cui si tutelano le donne".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Aeroporto di Bologna