Museo di Pangea al Labirinto Masone

Dall'11/3 le sculture di civiltà immaginarie di Marco Barina

(ANSA) - PARMA, 6 MAR - La mostra primaverile del Labirinto della Masone a Fontanellato (Parma) sarà intitolata a Pangea, super-continente che 180 milioni di anni fa si spezzò, generando i continenti Laurasia e Gondwana, progenitori diretti di Africa, Asia, Europa, Oceania, Antartide. Se Pangea fu una piattaforma reale e calpestabile, oggi, in un mondo dove distanze e separazioni sono in via di abolizione, è un 'fantasma psichico' che riemerge.
    Il Museo di Pangea, al Labirinto della Masone dall'11 marzo al 10 giugno (tranne il martedì), accoglierà i manufatti di popolazioni immaginarie, una settantina di pezzi realizzati in dieci anni da Marco Barina, artista contemporaneo romano, che per realizzare i suoi 'assemblages' ha battuto il mercato delle pulci di Porta Portese e altri mercatini e negozi di rigattieri cercando tra la cianfrusaglia "i frantumi di un Pantheon smembrato, con lo scopo di ricomporlo e di restituirgli potenza". La mostra è accompagnata da un volume edito da Franco Maria Ricci, che ne firma l'introduzione.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Aeroporto di Bologna