Siulp, zecche in sala Polfer a Bologna

'Parassiti all'interno coperte lana. Occorre disinfestazione'

(ANSA) - BOLOGNA, 7 DIC - Parassiti, "presumibilmente zecche" presenti "all'interno della cella di sicurezza e della sala ove sostano le persone fermate o accompagnate" della Polizia Ferroviaria alla stazione centrale di Bologna. A segnalare la vicenda, accaduta ieri, è il segretario provinciale del sindacato Siulp, Amedeo Landino in una lettera indirizzata al dirigente del compartimento Polfer Emilia-Romagna.
    "Abbiamo constatato di essere stati vittime di una vera e propria invasione di parassiti - viene evidenziato - presumibilmente zecche presenti nei locali descritti dove vi erano due soggetti in stato di arresto ed alcuni operatori preposti alla loro vigilanza. Ebbene - viene aggiunto - pare che all'interno delle coperte di lana in uso alla sala fermati, ci fosse una colonia di zecche".
    Ma la Polizia Ferroviaria ha precisato poi che l'area è già stata disinfestata l'area. Si trattava di parassiti trasmessi probabilmente da persone che poco prima erano state arrestate.
Nelle celle di sicurezza erano stati portati due nordafricani, fermati in flagranza per il furto di uno zainetto su un bus, nel piazzale di fronte alla stazione. La Polfer spiega che quando ci si è resi conto del problema è stato attivato il protocollo sanitario previsto in questi casi, sia per le due persone (una delle quali si presume avesse i parassiti), sia per i locali, con una disinfestazione della cella di sicurezza e della sala.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Aeroporto di Bologna