Aggredì portavolantini, 'odio razziale'

Gli disse 'te ne devi andare, tornatene a casa tua'

(ANSA) - BOLOGNA, 10 NOV - Prima di colpire con badile, manganello e infine con un coltello un egiziano 39enne che distribuiva i volantini in un condominio della periferia di Bologna, gli avrebbe detto: "Te ne devi andare, tornatene a casa tua". Parole che, se calate in quel contesto preciso "lasciano intendere che il vero motivo che ha spinto" l'indagato a delinquere "non possa essere che quello dell'odio razziale", motivo per cui, secondo il giudice, sussiste la specifica aggravante contestata dalla Procura.
    Il fatto avvenne il 2 ottobre in via Scipione dal Ferro e lo stesso giorno un 27enne italiano si presentò alla Polizia e fu denunciato. Ora, dopo la richiesta dei Pm, nei suoi confronti è stata emessa un'ordinanza di custodia ai domiciliari firmata dal Gip Gianluca Petragnani Gelosi, per lesioni aggravate dall'aver agito con armi, per futili motivi e per finalità di discriminazione o di odio etnico, nazionale, razziale o religioso. L'egiziano ferito ebbe una prognosi di otto giorni.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Aeroporto di Bologna