Attentato stazione carabinieri Bologna: Del Sette, non ci intimorisce

Ordigno all'ingresso, nessun ferito. Sospetti su anarchici. Galletti: "Attentato vigliacco". Per gli inquirenti rappresenta un "salto di qualità" nelle modalità e nei danni

"È chiaro che per dei malintenzionati che in qualche modo vogliono segnalare la loro attività richiamando l'attenzione e la loro contrarietà all'organizzazione di uno Stato civile, la stazione dei Carabinieri può rappresentare un obiettivo: ma questo certamente non ci intimorisce in alcun modo". Così il Comandante generale dell'Arma Tullio Del Sette ha commentato l'attentato a Bologna. "La stazione dei Carabinieri è il presidio fondamentale per la nostra organizzazione ma anche il sistema della sicurezza in Italia - ha aggiunto - Su di essa noi fondiamo la maggior parte della nostra efficienza, la nostra capacità di svolgere il servizio istituzionale a contatto con la gente e con le comunità". Interpellato a margine della presentazione del libro "Carabinieri per la libertà" di Andrea Galli, Del Sette ha riferito che nel pomeriggio si reca nella stazione colpita 'per organizzare il loro lavoro per le prossime settimane e per il futuro'. "Però - ha assicurato - posso dire che so già che sono determinati a lavorare più di prima".

L'attentato esplosivo alla stazione dei Carabinieri potenzialmente avrebbe potuto anche uccidere. Un attentato nel giorno dell'arrivo a Bologna di Matteo Renzi per un incontro in vista del referendum del 4 dicembre. E il presidente del Consiglio dopo aver partecipato all'incontro è andato in caserma "a portare l'abbraccio affettuoso di tutti gli italiani, tutti". "Oggi è il momento della solidarietà, della vicinanza e della affettuosa partecipazione. Tutte le analisi competono agli inquirenti, a chi farà le indagini. Quello che è certo è che noi li prenderemo e li assicureremo alla giustizia perché siamo un Paese serio", ha detto il premier all'uscita dalla caserma. "Credo che fosse doveroso da parte del Governo essere qui - ha aggiunto -. Chi attacca una caserma dei carabinieri sta attaccando lo Stato e le istituzioni. Reagiremo con estrema forza a questa aggressione".

Le modalità dell'attentato hanno fatto subito pensare all'area anarco-insurrezionalista. Ad essere colpita verso le 3 è stata la stazione dell'Arma 'Corticella' di via San Savino. L'ordigno - due taniche di benzina innescate da una miccia, e si sta valutando con le analisi scientifiche se ci siano stati 'addittivi', come polvere pirica o altre sostanze - è stato fatto esplodere davanti all'ingresso. I muri hanno tenuto ma è saltata via la porta e si sono frantumate le finestre e alcuni vasi. Se ci fosse stato un militare dietro la porta avrebbe potuto farsi molto male. Forse anche morire. Ci sono anche le immagini di tre persone, completamente vestite di scuro, con il volto coperto e i guanti, intenti ad innescare l'ordigno davanti alla caserma. A registrarle la videosorveglianza della stazione. I tre indossano giacche tipo 'k-way' di cui potrebbero essersi disfatti dopo l'azione. Non si esclude che fuori dal raggio delle telecamere potessero esserci altre due o tre persone, a fare da 'palo'.

L'attentato, secondo gli investigatori, rappresenta una salto di qualità, nelle modalità e nei danni provocati. Si stanno conducendo accertamenti su quello che è rimasto dell'ordigno, che conteneva di certo un'importante quantità di polvere pirica o altra sostanza esplodente che si sta analizzando. Negli ultimi tempi a Bologna c'erano stati sabotaggi incendiari all'Alta velocità, congegni inesplosi lasciati in uffici postali e sono state intercettate lettere con polvere, indirizzate a ditte che lavorano nei Cie: tutti 'segnali' di stampo anarchico che hanno destato preoccupazione, ma che però non avevano avuto l'impatto di quello che si è verificato nella notte in via San Savino. Non si ricorda un episodio del genere contro i militari, a Bologna. 

Galletti, un attentato vigliacco - "Un attentato vigliacco. Se l'obiettivo era quello di rendere più debole l'Arma dei Carabinieri sappiano che invece questo è il miglior modo per renderli più forti e rendere più forte lo Stato". Questo il commento del ministro dell'Ambiente Gianluca Galletti, arrivato ad esprimere "vicinanza alle forze dell'ordine" da parte del Governo alla stazione 'Corticella' di Bologna. "Ci sarà il massimo impegno per identificare gli attentatori - assicura - li troveremo". Collega l'attentato alla presenza di Matteo Renzi nel pomeriggio in città? "Questo lo stabiliranno le indagini. Per ora non c'è nessun collegamento. In città, lo sappiamo, operano dei gruppi anarchici. Non sappiamo se sono loro, il primo sospetto ricade su di loro, naturalmente. Ma questo non vuole dire che ci siano degli elementi per definire la matrice dell'attentato. L'importanza è che si sappia che le forze dell'ordine e i Carabinieri continueranno ad operare - ha aggiunto - con la massima tenacia. Alle 18 la stazione sarà già riaperta e andremo avanti".

Sgomento e preoccupazione. Questo si legge nelle espressioni e nelle parole dei residenti di via San Savino, molti svegliati nella notte dall'attentato esplosivo alla stazione dei Carabinieri 'Corticella' di Bologna. L'edificio, che non è difeso da recinzioni, si trova in fondo ad una strada chiusa, che finisce in un sottopassaggio ferroviario; è di fronte alla chiesa parrocchiale, raggiunta da diversi fedeli per la messa domenicale e quasi tutti fanno tappa davanti alla caserma, salutando i militari che nel quartiere sono un punto di riferimento riconosciuto. Le persone si fermano a guardare i danni, che non hanno risparmiato l'insegna dell'Arma. "Siamo storditi, è un fatto molto grave", ha detto il presidente del Quartiere Navile Daniele Ara, tra i primi ad arrivare per portare "solidarietà ai Carabinieri e alle persone che abitano lì, che si sono molto spaventate". Per Ara, "è stato un segnale che qualcuno vuole dare allo Stato".

LE REAZIONI -  "La più ferma condanna e la sentita solidarietà ai Carabinieri per l'attentato di questa notte alla stazione Corticella dell'Arma!". Lo dice il sindaco Virginio Merola, secondo cui "le indagini accerteranno chi ha compiuto questo gesto vigliacco, di certo possiamo subito affermare che Bologna non si fa intimidire". "Quanto successo è gravissimo. Fortunatamente non si registrano vittime o feriti, ma puntare a colpire lo Stato in uno dei suoi più importanti presìdi sul territorio vuol dire voler attentare alla democrazia e alla convivenza civile". Cosi il presidente della Regione, Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini. "L'attentato di questa notte alla è un atto molto grave che condanniamo con totale fermezza. Esprimiamo all'Arma dei Carabinieri la nostra solidarietà e vicinanza e nella speranza che i responsabili vengano individuati al più presto", dice il capogruppo del Pd alla Camera Ettore Rosato.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Aeroporto di Bologna



Modifica consenso Cookie