Errata trasfusione, 4 indagati

Le sacche di sangue furono confuse per una parziale omonimia

(ANSA) - BOLOGNA, 18 FEB - Sono quattro gli indagati dalla Procura di Bologna per la trasfusione sbagliata ad un paziente di 45 anni operato all'ospedale Maggiore lo scorso 25 settembre, in seguito ai traumi riportati in un incidente stradale. Il fascicolo è del Pm Roberto Ceroni e l'accusa per medici e infermieri sarebbe lesioni colpose gravissimi.
    Al paziente furono scambiate due sacche di sangue di un gruppo diverso dal suo per una parziale omonimia, stesso cognome, ma un nome diverso, con un altro ricoverato. Una volta completata l'operazione, ci si accorse dell'errore. Fu la stessa Ausl a dare notizia di quello che era successo. Il trasfuso fu ricoverato in Rianimazione, poi dopo alcuni giorni si riprese. Ma la famiglia fece denuncia.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati


Alessandro Andrei - Sca.Fi Serramenti

Sca.Fi Serramenti, domotica al servizio della sicurezza e del risparmio energetico

Porte blindate digitali e vetri oscuranti che seguono il sole: ecco il futuro delle abitazioni


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Aeroporto di Bologna