Carceri: a Dozza Bologna festival film

Logo della rassegna è una pellicola che si insinua sotto sbarre

(ANSA) - BOLOGNA, 29 GEN - La pellicola che si insinua sotto le sbarre ed esce: è il logo di 'Cinevasioni', il primo festival del film in carcere (non 'sul' carcere ma 'in' carcere), dal 9 al 14 maggio alla casa circondariale della Dozza di Bologna, insieme a 'CiakinCinema', un percorso formativo che impegna venti detenuti.
    Portare il linguaggio e la cultura cinematografica all'interno della realtà carceraria ed aprire ad autori e studiosi del cinema, è l'obiettivo delle due iniziative, promosse da D.e.-r (Associazione documentaristi Emilia-Romagna) con la direzione artistica ed organizzativa di Filippo Vendemmiati e Angelita Fiore, ed il supporto della Fondazione del Monte.
    Alla selezione possono partecipare lungometraggi o documentari proiettati per la prima volta nel 2015. Ne saranno scelti una decina e la giuria formata dai partecipanti a CiakinCarcere e presieduta da una figura di spicco del cinema italiano, designerà il vincitore con un premio simbolico.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Aeroporto di Bologna