• Ricette e packaging innovativi, Antonio Amato sbarca a Cibus
ANSAcom

Ricette e packaging innovativi, Antonio Amato sbarca a Cibus

Focus su pasta ripiena fresca e surgelata e linea “Light”

ANSAcom

PARMA, 5 MAG - "Il piacere è una cosa semplice". Un vero credo più che uno slogan, che dal 1869 ai giorni nostri descrive al meglio ogni singolo prodotto dell'azienda Antonio Amato, marchio del pastificio Gaetano Di Martino & F.lli spa. Dal cuore della tradizione gastronomica del Mediterraneo, la città di Salerno, la buona cucina di 'casa' Amato sbarca a Parma, da oggi al 10 maggio, in occasione di Cibus (Pad. 3, stand C044), il Salone internazionale dell'alimentazione, giunto alla diciannovesima edizione.

Nello stand dei 'Grandi pastai italiani', la storica azienda salernitana acquistata e rilanciata nel 2012 dai Di Martino di Gragnano, famiglia di pastai da tre generazioni che già nel 1915 aveva attraversato per prima il canale di Panama, si presenta con un prodotto nuovo: la pasta ripiena fresca e surgelata. Un impasto delicato, preparato con uova fresche 100% italiane, con un ripieno ricco di ingredienti genuini della tradizione mediterranea.

Per quanto riguarda i formati la produzione riguarda gnocchi, ravioli, tortellini, tortelloni e cappelletti. Un'altra novità è la linea light (ravioli alla puttanesca; ravioli ricotta e spinaci; girasoli carciofi e ricotta; girasoli cianfotta) preparata con una percentuale minore di grassi, dal 30% fino al 65%, rispetto alla media della pasta ripiena più venduta sul mercato. Senza glutammato, olio di palma e colza, le ricette sono semplici e legate al territorio con quel tocco di creatività mediterranea che da sempre contraddistingue il marchio salernitano.

E siccome anche l'occhio vuole la sua parte le novità proposte dal pastificio passano anche attraverso il packaging in doypack, vera novità del settore. Una formula nata per i consumatori di oggi e di domani, che racchiude i migliori ingredienti selezionati da Antonio Amato per celebrare le eccellenze del bel Paese.

In collaborazione con:
Antonio Amato

Archiviato in