Visite al complesso del duomo di Spoleto

Fino al 3 novembre

Redazione ANSA SPOLETO (PERUGIA)

SPOLETO (PERUGIA) - Fino al 3 novembre è possibile visitare il complesso monumentale del duomo di Spoleto, che comprende la cattedrale, il museo diocesano e la basilica di Sant'Eufemia, con le inedite "visioni" dall'alto - interne ed esterne - della sommità dell'abside del duomo e del campanile.

    Il progetto dell'archidiocesi, con la collaborazione di Civita Opera, è definito "Arte dello Spirito - Spirito dell'Arte". Lo scopo è quello di creare un percorso unitario fra i vari siti che si collegano alla cattedrale in cui protagonista è la luce che accompagna il visitatore, anche con l'ausilio di una video-guida multilingua, già all'esterno della chiesa, in un cono prospettico in discesa verso la facciata. La luce che genera altra luce si ritrova all'interno dell'ampia navata fino dunque alla visione del catino absidale e al raggiungimento della sommità del campanile.

    D'altra parte la cattedrale custodisce vari capolavori, dalla facciata al pavimento alle varie cappelle percorrendo stili e scuole, dall'arte delle origini al romanico, dal Rinascimento al Barocco fino al Neoclassicismo. Ma il Duomo - sottolinea una nota dell'archidiocesi - non conserva soltanto monumenti, è anche luogo per eccellenza della spiritualità, con particolare riguardo alla Cappella delle Reliquie dove è custodita la preziosa lettera autografa di san Francesco d'Assisi a frate Leone.

    Oltre alla visita della cattedrale, sarà possibile proseguire il cammino al museo diocesano e alla Basilica di Sant'Eufemia, che fino al prossimo 20 maggio ospita la Mostra sulla Madonna Bianca in Ancarano di Norcia, alla quale è dedicato il primo appuntamento della rassegna espositiva "Una chiesa che si racconta". Qui la Madonna Bianca in Ancarano di Norcia ci aiuta a conoscere la sua storia centenaria attraverso l'opera che le ha dato il nome: il grande rilievo rappresentante la Madonna con Bambino (detta Madonna Bianca perché scolpita nel marmo candido), realizzata alla fine del '400 dallo scultore fiorentino Francesco di Simone Ferrucci e appena restaurata.
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: