Norcia, centro polivalente firmato Boeri

Archistar, edifici sicuri per coabitare con mostro invisibile

Redazione ANSA NORCIA (PERUGIA)

NORCIA (PERUGIA) - "Dobbiamo partire da un presupposto, costruire edifici sicuri dove le famiglie possano essere tranquille, anche con l'idea di coabitare con un mostro invisibile": a dirlo, all'ANSA, è l'architetto Stefano Boeri che ha progettato il nuovo centro polivalente di Norcia, inaugurato oggi. Una struttura di legno e vetro che sarà il nuovo Centro operativo comunale, ma anche uno spazio a disposizione per associazioni e iniziative varie. Realizzata grazie ai fondi raccolti da "Un aiuto subito" del Corriere della Sera e del TgLa7. Al taglio del nastro anche la presidente della Regione Catiuscia Marini e il commissario governativo per la ricostruzione Vasco Errani insieme al sindaco Nicola Alemanno.
    "È un luogo sicuro che si affaccia sulle marcite di Norcia - ha spiegato Boeri riferendosi al centro polivalente - ed è il primo di un complesso più ampio che prevede altre tre strutture con un piccolo teatro, una foresteria e un centro di aggregazione per giovani e anziani". Parlando di ricostruzione, Boeri ha evidenziato che "i danni da sisma si possono prevenire se si interviene con le giuste tecniche e Norcia ne è un esempio: ci sono stati danni ma non crolli".
    L'architetto ha anche sottolineato come, invece, il patrimonio storico-artistico abbia subito i maggiori danni.
    Sollecitato su come si dovrà ricostruire la Basilica di San Benedetto, Boeri ha detto di "non avere una soluzione ed è giusto che se ne discuta", ma ha spiegato anche che "non si deve avere paura dell'architettura contemporanea, il contemporaneo si è sempre legato alla storia e se è consapevole è la cosa più bella e sicura".
    Errani ha invece evidenziato come a Norcia "la collaborazione tra l'amministrazione regionale e comunale, pur di estrazioni politiche opposte, stia dando dei risultati importanti". (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA