Maratona dell'olio, si celebra il principe verde

Dal 25 al 27 novembre con Narni come sede principale

Redazione ANSA NARNI (TERNI)

  NARNI (TERNI) - Dodici Comuni coinvolti, altrettanti produttori partner e tre giorni di mostra mercato, degustazioni, spettacoli e animazione: torna dal 25 al 27 novembre la Maratona dell'Olio, organizzata per promuovere il "principe verde" umbro e creare una rete della filiera corta dei prodotti locali dell'Umbria meridionale. Ad ospitare la manifestazione sarà quest'anno Narni, mentre giovedì ad Amelia, sede dell'edizione 2015, si svolgerà un'anteprima dell'evento.
    Alviano, Amelia, Attigliano, Baschi, Giove, Guardea, Lugnano in Teverina, Montecchio, Orvieto, Otricoli e Penna in Teverina sono gli altri Comuni aderenti al partenariato istituzionale che da sette anni lavora allo sviluppo dei prodotti del comprensorio, mentre altri tre (Avigliano Umbro, Calvi dell'Umbria e Stroncone) riceveranno la comunicazione ufficiale di accettazione della loro richiesta di ingresso durante la manifestazione.
    L'edizione 2016 della Maratona dell'Olio sarà caratterizzata dal binomio enogastronomia-cultura, visto che ad intervallare le degustazioni ci saranno, sabato e domenica pomeriggio, le visite guidate a Narni sotterranea, al Museo del territorio di palazzo Eroli, alla Rocca Albornoz e ad altri luoghi artistici e storici di Narni. Sabato mattina, nella sala del Camino di palazzo Eroli, Slow Food accoglierà gli studenti delle scuole del territorio per una riflessione sulle proprietà salutari dell'olio e sull'importanza di una corretta animazione, mentre a Lugnano in Teverina il Cnr, in collaborazione con il Parco agroalimentare dell'Umbria organizzerà il workshop "Dalla collezione mondiale degli ulivi di Lugnano a Olea Mundi di Assisi". Oltre alla mostra-mercato allestita a palazzo dei Priori, tra le varie iniziative in programma sabato e domenica è prevista anche la Festa d'Autunno, a cura dei terzieri narnesi Mezule e Santa Maria. L'obiettivo ultimo dell'intera manifestazione - che si inserisce nell'ambito del Piano di sviluppo rurale 2014-2020 della Regione - è quello di dare vita ad un marchio unico nella produzione dell'olio che accompagni le etichette dei produttori del territorio e che sia simbolo di qualità e riconoscibilità sui mercati nazionali ed esteri. (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA