Sartiglia: Oristano scommette su sicurezza, ma sarà festa

Confermati test antidopping e accessi controllati alla giostra

Redazione ANSA ORISTANO

ORISTANO - Garantire la sicurezza della manifestazione senza intaccarne la tradizione e le regole plurisecolari. E' la sfida di Oristano per l'edizione 2020 della Sartiglia, la giostra equestre che da più di cinque secoli si corre nelle vie del centro storico di Oristano l'ultima domenica e l'ultimo martedì di Carnevale, che quest'anno cadono il 23 e 25 febbraio. La marcia di avvicinamento all'evento clou del Carnevale in Sardegna procede ormai spedita. I depositari della tradizione, il Gremio dei Contadini o di San Giovanni e quello dei Falegnami o di San Giuseppe, hanno già fatto la loro parte.
    A dicembre, come vuole la tradizione, hanno infatti scelto i propri Cumponidoris: Ignazio Lombardi per i Contadini, che guiderà la giostra di domenica 23 febbraio, e Cristian Matzutzi per i Falegnami, a capo di quella prevista martedì 25. Dietro di loro, sui percorsi di via Duomo per la corsa alla stella e di via Mazzini per le pariglie acrobatiche, sfileranno più di cento cavalieri, che correranno mascherati e indosseranno sfarzosi costumi della tradizione, montando altrettanti cavalli riccamente bardati. Sul fronte dell'organizzazione e della sicurezza stanno procedendo il Comitato Sartiglia della Fondazione Oristano in collaborazione con il Comune e la Pro Loco da una parte, la Prefettura e la Questura dall'altra.
    Il capitolo più scottante resta quello dei controlli antidoping: dopo gli eccessi di qualche anno fa, quest'anno saranno più rispettosi della tradizione. Per il resto, viene confermata la 'blindatura' della manifestazione, che sarà ancora a numero chiuso e alla quale si accederà solo a piedi e solo attraverso varchi controllati. Intanto nelle scuderie delle campagne attorno alla città i fantini preparano i propri cavalli e coltivano la speranza di vedersi consegnare dai cumponidoris la spada per la corsa alla stella di via Duomo, privilegio al quale non tutti possono ambire, e di fare comunque bella figura nelle spericolate pariglie acrobatiche di via Mazzini.
    Il programma delle due giornate rispetta la consuetudine plurisecolare. Domenica 23 il rito della vestizione de Su Cumponidori alle 12.00 nella sede del Gremio dei Contadini, l'inizio della corsa alla stella un'ora e mezza dopo, alle 13.30, e quello delle pariglie nel pomeriggio quando lo deciderà su Cumponidori. Martedì 25 replica della vestizione con il Gremio di Falegnami e stesso crono-programma di domenica. Ricco come sempre anche il cartellone degli eventi collaterali, ancora in fase di definizione, e gran consumo di 'zippulas' e Vernaccia di Oristano. (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie