Arzachena, roccia del Fungo imbrattata

Sindaco presenta denuncia, tolleranza zero e ora telecamere

Redazione ANSA ARZACHENA

 ARZACHENA - Telecamere davanti alla roccia del Fungo di Arzachena contro gli atti di vandalismo. Roberto Ragnedda, sindaco del comune sul cui territorio insiste la Costa Smeralda, annuncia tolleranza zero contro l'abitudine di deturpare il patrimonio naturale del territorio. Il primo cittadino ha formalizzato una denuncia contro ignoti alla procura della Repubblica di Tempio Pausania per segnalare gli ultimi atti vandalici compiuti ai danni della roccia monumentale del Fungo, simbolo della città, e delle rocce naturali di Li Conchi e Contra di Picia. La polizia locale ha riscontrato che le rocce sono state imbrattate in diversi punti con spray indelebile da vandali che hanno anche impresso frasi e disegni.
    Gli agenti hanno anche rilevato che sono stati divelti i cartelli informativi turistici dal sito. "E' ora di dare un segnale forte - dichiara il sindaco - questi atti danneggiano la comunità che si sente offesa nel constatare una continua condotta priva di senso civico e la totale assenza di rispetto".
    "Con l'assessore alle manutenzioni e Lavori pubblici, Fabio Fresi, abbiamo già avviato l'iter per installare una telecamera alla roccia del Fungo il più presto possibile", ha confermato il sindaco. Per la pulizia del Fungo e delle altre rocce di Arzachena sarà necessario un nuovo, costoso intervento da parte di una ditta specializzata che riesca a rimuovere la vernice senza intaccare la superficie. (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA