A Urbino è boom per Palazzo Ducale , oltre 200 mila visitatori

Direttore Aufreiter, si può ancora crescere su stranieri

Redazione ANSA URBINO

 PALAZZO DUCALE - Boom di visitatori e incassi al Palazzo Ducale di Urbino. Gli ingressi sono aumentati da 169mila nel 2017 (anno influenzato negativamente dalle notizie sul terremoto) a 201mila nel 2018, gli incassi sono saliti da 561mila euro a 745mila. "Sono tornate le scuole - ha commentato il direttore Peter Aufreiter - con 60mila ragazzi in primavera, ma soprattutto sono aumentati i paganti. L'80% provenienti dall'Italia e solo il 20% dall'estero, quindi con un potenziale ulteriore aumento degli stranieri". Soddisfatto anche il sindaco Maurizio Gambini, dopo un recente incontro all'assessorato regionale al Turismo: i pernottamenti sono cresciuti del 25% negli ultimi due anni. "Ci sarà un nuovo punto d'informazioni tutirtiche nel centro commerciale alla Croce dei Missionari (all'incrocio per Pesaro e Fano)" ha annunciato. Sindaco e direttore vogliono fare un piano di comunicazione congiunto e coordinato dei prossimi eventi, coinvolgendo anche gli altri centri del territorio. Durante la conferenza il direttore della Galleria Nazionale delle Marche ha ricordato tutte le attività del 2018: le mostre di arte contemporanea e lo Spazio K dedicato agli artisti emergenti; le grandi esposizioni su "Il Montefeltro e l'Oriente islamico" e quella ancora in corso su Giovanni Santi; i restauri dello Stendardo di Tiziano, di 8 opere del padre di Raffaello, del Giardino pensile e della Meridiana; le attività didattiche con "Raffaello in Minecraft" che ha già coinvolto 200 scuole e 2.000 ragazzi di tutta Italia; i 300mila depliant e gli stand promozionali lungo la riviera adriatica.
    Aufreiter ha elencato anche le prossime iniziative programmate per il 2019: una mostra su San Francesco nell'arte degli ultimi secoli; altre esposizioni sulle "Sculture come gioielli", sulle Ceramiche Ducali e su "Raffaello e gli amici di Urbino"; lavori per il recupero di spazi espositivi con nuove sale e riapertura dei Torricini. "Sempre che - ha concluso - arrivino i finanziamenti statali di cui ancora non abbiamo la certezza".
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA