La Costa di Enea tra natura, archeologia e sapori

Dall'antica Lavinium a Tor Caldara passando per i percorsi enogastronomici di Tognazzi

Redazione ANSA

Dall'antica Lavinium a Tor Caldara ai percorsi enogastronomici di Tognazzi. Con la primavera sul litorale davanti alla Capitale si risveglia il mito con l'archeolgia, la storia e la letteratura ma anche la natura e il sapore. Parte infatti la valorizzazione turistica dei territori di Pomezia, Ardea, Castelli Romani e litorale tirrenico romano-pontino con il nuovo progetto di marketing territoriale La Costa di Enea, una start-up ideata nel 2015 da M&T Marketing e Territorio di Manuela Troiani.

Una rete pubblico-privata che vede protagonisti i Comuni coinvolti, Pomezia in primis ma anche musei, parchi tematici come Zoomarine e Cinecittà World e riserve naturali, eccellenze gastronomiche locali (come le pizze gourmet della Nazionale Italiana Pizzaioli) le imprese e gli operatori turistici.

La Costa di Enea si pone l'obiettivo di valorizzare il territorio e intercettare il turista dopo la sua sosta a Roma, in modo che possa abbinare la visita ai luoghi limitrofi ricchi di attrattive. Tra le novità principali della stagione spicca il lancio del portale Lacostadienea.it previsto a maggio prossimo. Una vera e propria vetrina per le risorse culturali e paesaggistiche, l'offerta turistica sarà completamente digitalizzata: dagli itinerari arricchiti con notizie culturali del territorio, corsi di cucina e il catalogo bimestrale completo con proposte di viaggio, anche in versione inglese.

A testimonianza dell'impegno sul territorio e per lanciare il brand sotto l’insegna del mito di Enea, è stato avviato il processo di riconoscimento del Distretto Turistico presso la Regione Lazio con l'obiettivo di posizionarsi nel mercato turistico incoming.

In vista dell'alta stagione per sviluppare al meglio l'identità territoriale sono previsti spettacoli di teatro e incontri dedicati all'Eneide, PERCORSI ENOGASTRONOMICI CON IL TOGNAZZI FILM FEST CHE COINVOLGE IL VILLAGGIO TOGNAZZI E I SUOI VINI DELLA CANTINA LA TOGNAZZA.

Al momento sono 4 i tour dedicati alla Costa di Enea. Si parte da Le meraviglie del Latium VETUS, alla scoperta del mito di Enea e la campagna romana che tocca L'ANTICA Lavinium e il museo, Pomezia che offre quasi nove chilometri di costa e una struttura ricettiva di tutto rispetto con quasi 2.500 posti letto che la posizionano al 4° posto fra i Comuni laziali e, addirittura al 3° posto nella categoria 4 stelle. Tappa prevista anche al cimitero monumentale tedesco e alla Torre medievale di Santa Palomba.

Si può anche scegliere i Territori dell'Antica ALBA LONGA con la visita a Albano Laziale alla scoperta dell'Anfiteatro e i cisternoni, per poi andare a Castel Gandolfo con i Giardini della Villa Pontificia.
Per chi ama il mare c'è l'itinerario La Costa di Nerone con sosta a ANZIO E VILLA ATTRIBUITA A NERONE, il BORGO MEDIEVALE di NETTUNO. Sarà poi la volta della riserva di Tor Caldara e Nettuno con il centro storico e il Forte Sangallo.

Infine c'è il tour La Terra di Diana che farà tappa sul bacino lacustre Speculum Dianae con il tempio, al Palazzo Chigi di Ariccia fino al borgo pittoresco di Nemi e al Museo delle Navi romane. 

La programmazione si articola anche con proposte dedicate a Roma come le Ville del Celio, Palatino, Monte dei Cocci, Tour dei Misteri tra fantasmi e intrighi di donne (Banchi nuovi,Ponte S.Angelo, Piazza Navona) Roma pagana e cristiana e gli Scavi di Ostia Antica. Non mancano degustazioni di prodotti tipici e giornate presso i parchi Zoomarine o CineCittà World. 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA