In mostra i testamenti dei grandi italiani

A Mantova, da D'Annunzio a Nuvolari, le ultime volontà

Redazione ANSA MANTOVA

MANTOVA - Dal 3 settembre nella Sala Addottoramenti del Liceo Classico Virgilio di Mantova verrà inaugurata ed aperta al pubblico fra gli eventi del fuori Festivaletteratura di Mantova, capitale italiana della cultura 2016, la mostra “Io qui sottoscritto. Testamenti di grandi italiani”, che racconta l’Italia da un punto di vista inedito, quello delle ultime volontà degli uomini che ne hanno fatto la storia.

L’esposizione, curata dal Consiglio Nazionale del Notariato e dalla Fondazione Italiana del Notariato è stata organizzata nel 2012 a Roma, in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia, nel 2015 a Modena, in occasione del Festival della Filosofia di Modena e a Milano, in occasione del 50° Congresso Nazionale del Notariato.
Patrocinata dal Ministero della Giustizia e dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, l’esposizione è stata visitata da circa 20.000 persone nel corso delle 3 edizioni. Per il 2016 la mostra è stata inserita negli eventi di contorno del Festivaletteratura (7/11 settembre) e promossa dal GP Nuvolari (15-18 settembre).

Attraverso la raccolta di testamenti in fotoriproduzione, la mostra narra i volti umani di personaggi noti principalmente per le loro virtù pubbliche. Oltre a nomi come Garibaldi, Pirandello, Cavour, Verga, De Nicola, per l’evento sono stati recuperati altri testamenti di personaggi mantovani illustri: Tazio Nuvolari, Giovanna D’Arco, Giuseppe Acerbi. Si tratta di un itinerario inedito e rivelatore perché ogni testamento racconta, del suo autore, non solo la situazione familiare ed economica, ma soprattutto l’animo, le scelte morali, civili, le propensioni e il carattere. Negli studi notarili si conservano e formano ogni giorno, infatti, documenti, i testamenti, che raccontano le storie, le difficoltà, i lasciti morali, filosofici e politici, le scelte economiche di italiani che hanno contribuito a segnare la storia del nostro Paese e che questa mostra vuol far conoscere a tutti.

Il Notariato è impegnato da anni proprio nella promozione della cultura del testamento, sia per disporre dei propri beni in sicurezza sia per aiutare gli altri, anche con piccole somme, attraverso i lasciti solidali. Per questo motivo sostiene e collabora con 74 associazioni per parlare di lasciti in modo positivo, per dare un'informazione esaustiva e chiara a chiunque voglia saperne di più sul tema, ma anche per raccontare la storia di chi, con un gesto di altruismo, ha cambiato la vita a tante persone.

Elenco testamenti in mostra:

Gabriele D’Annunzio, Alcide De Gasperi, Alessandro Manzoni, Alfonso La Marmora, Antonio Fogazzaro, Camillo Benso conte di Cavour, Eduardo Scarpetta, Enrico Caruso, Enrico De Nicola, Enzo Ferrari, Ettore Petrolini, Gioachino Belli, Giorgio Ambrosoli, Giovanni Agnelli senior, Giovanni Pascoli, Giovanni Verga, Giuseppe Garibaldi, Giuseppe Verdi, Giuseppe Zanardelli, Guglielmo Marconi, Luigi Pirandello, Maria Grazia Cosima Deledda, Natalina Cavalieri, Papa Giovanni XXIII, Papa Paolo VI, Tazio Nuvolari, Marchesa Giovanna D’Arco, Giuseppe Acerbi. Per questa edizione sono stati inseriti 3 testamenti di illustri mantovani: Tazio Nuvolari, Giovanna D’Arco, Giuseppe Acerbi

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA