Biennale Genova 'occupa' anche botteghe

Dall'8 al 22 giugno 300 artisti da 25 nazioni in 54 location

Redazione ANSA GENOVA

 GENOVA - Torna la Biennale di Genova, esposizione di arte contemporanea, e per la terza edizione si allarga anche alle botteghe storiche della città. Da sabato 8 al 22 giugno le opere di 300 artisti provenienti da 25 nazioni, fra cui Corea, Germania, Spagna, Iran e Cile, saranno in mostra in 54 diverse location cittadine, un sistema espositivo diffuso, da palazzo Stella a palazzo Tobia Pallavicino, dal Galata museo del mare alla capitaneria di porto, da palazzo Doria De Ferrari Galliera appunto al circuito delle 38 botteghe storiche. I numeri sono cresciuti in modo esponenziale, basti pensare che le location nel 2017 erano soltanto 10. "Ci piace l'idea di 'occupare', coinvolgere, i palazzi istituzionali e i musei e anche luoghi come il circuito delle botteghe storiche per ospitare opere d'arte - spiega alla presentazione nella sala dorata della Camera di commercio Flavia Motolese, del centro Satura, curatore della Biennale insieme a Mario Napoli -.
    L'inaugurazione itinerante partirà sabato da Villa del Principe.
    "Le botteghe storiche, oltre ad essere un patrimonio commerciale della città, sono anche un eccezionale patrimonio culturale che con questa mostra viene valorizzato" commenta Alessandro Cavo, vicepresidente vicario di Ascom Confcommercio. "Questo è un modo per dare loro visibilità e lustro come realtà economiche che hanno tanto sapore di arte e storia" aggiunge l'assessore al Turismo e Cultura del Comune di Genova Paola Bordilli.(ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA