Malcovich e Bahrami a E-R Festival

Dal 14 luglio la 17/a edizione della rassegna di musica colta

Redazione ANSA BOLOGNA

BOLOGNA - Un festival con grandi nomi lungo il filo rosso della musica barocca. Un percorso ampio pronto a toccare ritmo ispanico e musica elettronica, musica classica in senso stretto e tradizione coreana. Ramin Bahrami e Martux M, la Filarmonica Toscanini e Alpesh Chauhan e ancora la China National Opera House diretta da Yang Yang, Micheal Nyman e un grande attore internazionale come John Malkovich, che presenterà in prima nazionale il suo ultimo progetto, narrando brani tratti da Report on the Blind del grande scrittore argentino Ernesto Sabato. Sono solo alcuni dei protagonisti della 17/a edizione dell'Emilia-Romagna Festival, dal 14 luglio al 9 settembre in una ventina di Comuni tra le province di Bologna, Ferrara, Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini. Il programma, presentato dal presidente e direttore artistico del festival, Massimo Mercelli, e dall'assessore regionale alla Cultura, Massimo Mezzetti, prenderà il via a Comacchio (Ferrara) il 14 luglio, con la prima mondiale di 'Frescobaldi Renaissence', una rilettura sperimentale delle prime sei toccate del compositore ferrarese Girolamo Frescobaldi con l'esecuzione del pianista Bahrami - uno dei più importanti interpreti viventi di Bach - e gli interventi elettronici di Martux M. Il 17 al Teatro Arena di Castel San Pietro sarà invece il giorno di Nyman che proporrà al piano i brani che l'hanno reso celebre - come le musiche per film come Lezioni di Piano o Gattaca - accompagnato dalla proiezione di video girati dallo stesso compositore negli ultimi vent'anni. Il giorno dopo nel teatro Diego Fabbri di Forlì sarà la volta di John Malkovich, accompagnato da Anastasya Terenkova al pianoforte e dall'orchestra de' I Solisti Aquilani, sulle note del Concerto per pianoforte (1979) del compositore russo d'avanguardia Alfred Šnitke. Tra gli altri momenti di grande musica del festival, a Imola il 25 luglio e sempre a Forlì il 29, la Filarmonica Toscanini diretta da Alpes Chauhan eseguirà alcuni tra i più famosi brani della tradizione classica, come le sinfonie, i ballabili e le ouverture di Verdi e Rossini, e la Settima Sinfonia di Beethoven. E se il 6 agosto sempre Bahrami riceverà a Tredozio il Premio ERF alla carriera ed eseguirà alcuni brani di Bach e presenterà il suo ultimo libro, il 19 agosto, nella Chiesa di San Giacomo a Forlì, sarà invece l'occasione per conoscere e apprezzare la cultura musicale cinese con l'esibizione dei solisti, del coro e dell'orchestra della China National Opera House di Pechino, diretta da Yang Yang, che per l'occasione eseguirà in forma di concerto l'opera La Lunga Marcia, ispirata all'epopea storica della gigantesca ritirata militare dell'Armata Rossa guidata da Mao Zedong. (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA