'Mater Matuta', mito primordiale a Napoli

Dal 30/11 con opere di Mario Schifano e Gennaro Vallifuoco

di Angelo Cerulo NAPOLI

NAPOLI - La 'Mater Matuta', che abbraccia nel suo grembo l'intero ventaglio di simbologie relative alla nascita dell'uomo superando le barriere di spazio e tempo, è il tema della mostra 'Da me al cielo, eterno assoluto' con le opere di Mario Schifano e Gennaro Vallifuoco che sarà inaugurata sabato prossimo, 30 novembre, alle 12, nel Castel dell'Ovo a Napoli (fino al 9 gennaio). Promossa dal Comune (Assessorato alla Cultura e Turismo), la mostra è la terza tappa del percorso curato da Davide Caramagna; verranno esposte 14 opere delle 28 del ciclo "Mater Matuta" di Schifano, prima di essere collocate nella sede della Fondazione Pescarabruzzo in esposizione permanente, e altre 60 opere di Vallifuoco centrate sul medesimo tema. "La mostra attraverso il ciclo quasi sconosciuto di Mario Schifano ed il lavoro realizzato da Gennaro Vallifuoco attraverso le forme nuove ed antiche delle sue Matres vuole far riscoprire la prestigiosa collezione di Matres Matutae del Museo Provinciale di Capua" spiega Caramagna.
    La Mater Matuta, nella lettura dei promotori dell'evento, "trascende il flusso della storia realizzandosi come mito immutabile". La testimonianza di queste sensazioni è mantenuta viva dai reperti conservati a Capua, luogo della memoria delle origini. Le Madri di tufo sembrano conservare nel loro 'sacro silenzio' la voce del mondo primordiale che attraverso le epoche e le religioni giunge fino ad oggi. Osservando i reperti e la fattura arcaica di un mondo semplice e naturale, si resta incantati e ci si rende conto di come l'uomo riconoscesse nella Madre Terra la sua identità di essere vivente. É un fascino duraturo che destò "sublimi affetti" in artisti come Mario Schifano (1934-1998) e l'irpino Gennaro Vallifuoco, scenografo, illustratore, collaboratore di Roberto De Simone. (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA