A Matera torna il fascino del 2 luglio

Una festa antichissima, molto sentita e che cattura tutti

Redazione ANSA MATERA

(ANSA) - MATERA, 27 GIU - Posizionamento di luminarie e cassa armonica per i concerti delle bande da giro, eventi religiosi, luna park, mercatini, ma sopratutto la visita al carro trionfale di cartapesta, nel laboratorio del rione Piccianello, stanno facendo crescere l'attesa a Matera - capitale europea della cultura nel 2019 - per la 629/a edizione della festa in onore della Protettrice, Maria Santissima della Bruna.
    E sono sopratutto i turisti, dopo o prima del "giro" negli antichi rioni Sassi, in visita alla basilica cattedrale, riaperta al culto lo scorso anno dopo oltre dieci anni di restauri, a scoprire la festa della Bruna, con la statua della Vergine collocata nella navata centrale del Duomo. Da qui parte il percorso, lo stesso della festa, per visitare il carro trionfale, lo stesso che la sera del 2 luglio sarà assaltato e distrutto in piazza Vittorio Veneto, una tradizione che affascina da sempre chiunque. Tutto è pronto, anche gli 80 cavalieri che, guidati dal "generale" Angelo Raffaele Tataranni (che ricopre l'incarico dal 1998), scorteranno il carro.
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA