Mostre: Potenza, ecco le cose che pensano

Allestimento degli studenti, oggetti di uso comune uniti in rete

Redazione ANSA POTENZA

POTENZA - Porte, tavoli, sedie, bottiglie, brocche, cappelli, ombrelli sono tutti oggetti della vita quotidiana "che prendono vita, si raccontano, dialogano tra loro in una muta rete che fa pensare, riflettere, meditare": sono i protagonisti della mostra "Le cose che pensano", realizzata dagli studenti ed allestita a Potenza, nel Museo interattivo di Scienze umane e filosofia del liceo delle Scienze umane "Gianturco", nella sede del Mediafor. La mostra, inaugurata il 10 marzo, è una "galleria-laboratorio" permanente "di ricerca e scoperta del mondo del pensiero, della cultura - hanno spiegato gli organizzatori - e della società messo a disposizione della comunità, non solo scolastica". In un ambiente multidimensionale si potrà interagire con oggetti reali e virtuali, con giochi, laboratori, incontri. La mostra rimarrà aperta fino al 21 aprile.
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: