Generazioni in piazza, unite nell'arte

Con associazione Asc 4 incontri in piccoli centri del Pescarese

Redazione ANSA PESCARA

PESCARA - Musica a Brittoli, scultura a Rosciano, suoni e danza a Carpineto della Nora, circo a Montebello di Bertona, in un percorso artistico concepito per far incontrare generazioni diverse nei paesi dell'entroterra.
    Sono gli appuntamenti del progetto "Creatività e Integrazione: Crea.Art.Net", promosso dall'associazione Asc, Arte Suoni Colori, vincitrice del bando regionale che sostiene e finanzia attività di interesse generale nei Comuni delle province abruzzesi, terremotati e non. Rosciano è il comune più grande, sfiora i 4mila abitanti; gli altri tre, tutti nel Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, hanno 967 abitanti Montebello di Bertona, 608 Carpineto della Nora e neanche trecento Brittoli, alle falde del Gran Sasso. "Occorre recuperare spazi di condivisione - spiega Stefania Silvidii, presidente di Asc - nei paesi dell'entroterra che faticano a trovare occasioni di aggregazione sociale, culturale e artistica e vivono una situazione ancora più complessa dopo il sisma del 2009". Si comincia sabato 5 ottobre con "Musica per tutti" a Brittoli (Pescara), in piazza Sant'Antonio, dalle 15.30 alle 18, con il laboratorio 'MusicArTerapia' a cura di Rogerio Celestino e Sara Tatoni; domenica 6 sarà la volta di "Scolpire, ricamare, intrecciare con i nonni!" in piazza Matteotti a Rosciano (Pescara): dalle 15.30 alle 18 laboratori di arti applicate a cura di Antonio Di Biase (scalpello), Stefania Silvidii (fiber art) e volontari della Protezione Civile.
    "Ritmisuoni... movimenti" è il titolo dell'incontro di sabato 12 ottobre a Carpineto della Nora (Pescara) in piazza Umberto I, dalle 15.30 alle 18 con il laboratorio MusicArTerapia di Rogerio Celestino e Sara Tatoni; "Il circo è di tutti" si terrà sabato 19 ottobre a Montebello di Bertona (Pescara), sempre dalle 15.30 alle 18, in piazza Vittorio Emanuele. La partecipazione ai laboratori è gratuita e le iscrizioni possono essere effettuate ritirando i moduli nei Comuni e nelle scuole dei paesi coinvolti o sul sito www.artesuonicolori.com.
    "Il valore aggiunto del progetto - spiega ancora Silvidii - è l'approccio innovativo della socioterapia, che considera la persona come entità che si organizza e sviluppa a partire da un sistema di comunicazioni e interrelazioni con ambiente e società circostanti". Asc punta a costituire una rete di scambi sociali e culturali tra persone diverse per esperienze, competenze, età e aspirazioni, favorendo l'incontro e l'interazione. Una rete che dovrà propagare nel tempo i benefici sociali e culturali delle iniziative, restituendo vitalità e varietà alle zone interne della provincia di Pescara per mezzo delle piazze di ciascun paese, punto nevralgico di comunicazione e confronto. La rielaborazione della tradizione tramite strumenti più moderni e innovativi ha lo scopo di mantenere in vita un patrimonio culturale che rischia di essere dimenticato. Il partenariato con l'organizzazione di volontariato A.G.S. e la collaborazione con l'Associazione nazionale Psicologi per i Popoli di Pescara, con l'Associazione Contratto Sociale di Montebello di Bertona e con i Comuni punta ad arricchire l'offerta. Tutti gli appuntamenti, data l'esperienza di Asc in questo settore, si preannunciano emozionanti e coinvolgenti.
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA