Della Sciucca fra design e cinema

Dal 14/11 nella 'Maison des Arts' della Fondazione Pescarabruzzo

Redazione ANSA PESCARA

PESCARA - Pensa, crea e lavora tra Italia, Stati Uniti e Inghilterra, nella sua versatilità si esprime come giornalista, scrittore, designer e di recente, a coniugare queste sue passioni, anche come sceneggiatore e regista. Glauco Della Sciucca è il protagonista della "Fondazione Pescarabruzzo Exhibition", da martedì 14 al 24 novembre 2017 nella Maison des Arts della Fondazione a Pescara.
    Come designer ha firmato la linea di luxury bag HarvArt realizzata da MyStyleBags a Milano e promossa dal Gruppo Bellora. Ed è lui che ha disegnato The Black and White Special, orologio Swatch presentato in Cina e distribuito in tutto il mondo, raffigurante uno skyline ideale di Shanghai. Come giornalista e illustratore ha collaborato con The New Yorker, The Jewish Week, Columbia Journalism Review, York Review of Books, Peanuts, Central Park West Stories. La mostra "State of Minds. An Exhibition of Paintings and Drawings", allestita a Londra nella Lacey Contemporary Gallery, porta la sua firma insieme a quella di Sir Michael Lindsay-Hogg, regista dei Beatles, di Paul McCartney e di David Bowie. Una mostra sostenuta anche dalla Fondazione Pescarabruzzo per valorizzare le eccellenze abruzzesi oltre i confini nazionali.
    Nell'esposizione di Pescara saranno presentati i disegni originali di "State of Minds", insieme alle illustrazioni oversize ispirate ai principali settori di intervento della Fondazione e a progetti da essa realizzati a Pescara e provincia, dal Ponte del Mare all'Abbazia di San Clemente a Casauria alla Cittadella dell'Accoglienza. "Disegnare, a mano e soltanto a mano, è sempre stato tutto, per me" confessa Della Sciucca, originario di Atri (Teramo), che nel suo primo lavoro cinematografico è riuscito a trasferire un'altra parte di sé, un eloquio fluido e accattivante, vivace e mai scontato. Anche il trailer del suo lungometraggio "Humanism - A new comedy", in uscita nelle sale nel 2018, si potrà vedere alla mostra. Girato fra Pescara, Londra, New York e Torino, con un cast internazionale - Ezio Budini, Roberto Pedicini, Huw Parmenter, Beth Lockhart, Randall Paul, Enrica Guidi, Véronique Vergari e Lorena Antonioni - descrive un uomo alla ricerca della propria identità, frammentata nel tempo e nello spazio, paradigma e metafora dell'individuo ai tempi di un modello di globalizzazione.
    La mostra sarà aperta fino al 24 novembre, dal lunedì al sabato, dalle 17:30 alle 19:30. (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA