ANSAcom

Girotonno: con nuova formula boom di turisti a Carloforte

Sindaco Puggioni, successo oltre ogni previsione

ANSAcom

Di Maria Grazia Marilotti

CARLOFORTE - Grandi chef internazionali, la notte rock di Piero Pelù, degustazioni e live cooking d'autore e uno scenario da favola: il lungomare di Carloforte, ambita meta delle vacanze sull'isola di San Pietro, Sardegna sud occidentale. Si chiude con un boom di presenze la 16/a edizione di Girotonno, kermesse enogastronomica che celebra il tonno rosso di qualità. In attesa del bilancio ufficiale, a parlare di successo sono i primi numeri. "Ottomiladuecento ingressi già nei primi due giorni sono un ottimo risultato, lo scorso anno sono stati 15mila per tutta la durata della manifestazione e in un periodo più favorevole ai flussi, ovvero fine giugno", sottolinea Gianluigi Penco, consigliere comunale con delega ai Trasporti della Giunta di Salvatore Puggioni che per il primo anno ha gestito interamente l'organizzazione della manifestazione in collaborazione con Feedback.

"I traghetti della società Delcomar hanno lavorato a pieno carico sabato e domenica. Con queste premesse l'auspicio - dice Penco - è che i numeri del 2018 siano superiori a quelli della scorsa edizione", Un'edizione segnata dalla vittoria a sorpresa degli esordienti chef della Lituania alla Tuna competition, dal gran pienone per la notte rock di Piero Pelù che ha dato il là da Carloforte al Warm up tour sui palchi italiani, dalla presenza di grandi chef internazionali. All'indomani della chiusura della kermesse enogastronomica che per quattro giorni ha fatto diventare Carloforte la capitale mondiale del tonno di qualità, il sindaco tira le somme e non nasconde la propria soddisfazione. "Un risultato oltre le più rosee previsioni - confessa all'ANSA il primo cittadino - il sentore positivo si è avuto sin dal primo giorno", commenta ancora il sindaco evidenziando l'alto livello dei live cooking, della gara gastronomica, degli spettacoli e le ricadute economiche della manifestazione con strutture ricettive e ristoranti pieni.

Una edizione rinnovata che ha fatto centro. "A partire dalle degustazioni in banchina di alta qualità - spiega l'assessora alla Cultura e Turismo Aureliana Curcio - caratterizzate dalla cucina sardo tabarchina e giapponese e che hanno avuto un grande riscontro da parte del pubblico". Ad animare la cittadina tabarchina sono stati gli artisti di strada e l'Expo village per l'assaggio e l'acquisto di eccellenze come il vino Arvisionadu di Benetutti o le 'caschettes' di Belvì. "Quest'anno ci sono state diverse innovazioni interessanti, non solo per quanto riguarda i Paesi di provenienza dei partecipanti, ma nella maniera differente di approcciarsi a questo prodotto straordinario - conferma Fiammetta Fadda, della giuria tecnica presieduta da Enzo Vizzari - Si è accentuato il rispetto della materia prima, e a questo naturalmente si aggiunge la competenza e la creatività dei cuochi con le loro proposte".

Archiviata con successo l'edizione numero 16, l'amministrazione è già al lavoro per la prossima. "Da lunedì si tirano le somme per verificare quanto di buono è stato fatto e si prepara la prossima edizione del Girotonno - annuncia il sindaco - Ci sono stati tanti correttivi ma c'è ancora da perfezionare. Ringrazio i carlofortini per la loro accoglienza e l'entusiasmo nel promuovere questa nostra bellissima isola".

 

In collaborazione con:
Comune di Carloforte

Archiviato in