Post-it

Turismo: scoprire Bologna d'autunno fra arte e buon cibo

Numerose le mostre in corso fino ai primi mesi del 2018

Redazione ANSA

BOLOGNA - Sono numerosi gli appuntamenti autunnali per gli appassionati di arte in corso a Bologna. A Palazzo Pallavicini, in via San Felice, fino al 21 gennaio c'è la mostra 'Nel segno di Manara. Antologica di Milo Manara': con 130 opere, è un'esposizione tra le più importanti sulla produzione del fumettista (ingresso 13 euro). A Palazzo Pepoli, in via Castiglione, grazie a una nuovissima realtà virtuale si può invece passeggiare per le strade del Medioevo, salire su una delle tante torri (all'epoca) di Bologna, trovarsi faccia a faccia con personaggi storici. Questa Macchina del Tempo permette il primo viaggio nella Bologna medioevale, fino al 7 gennaio, a 13 euro.

In via Saragozza, Duchamp, Magritte e Dalì sono i protagonisti della mostra internazionale di Palazzo Albergati dedicata agli artisti che hanno rivoluzionato l'arte nel Novecento: con loro anche Ernst, Tanguy, Man Ray, Picabia, Pollock e molti altri (14 euro, fino all'11 febbraio). C'è poi il colorato allestimento a Palazzo Fava, in via Manzoni, che vede arrivare a Bologna 68 opere tra le più significative della pittura muralista messicana provenienti dai più importanti musei (fino al 18 febbraio, 13 euro). Al Mambo, via Don Minzoni, fino al 12 novembre c'è 'Anime. Di luogo in luogo': 25 opere, installazioni di cui due esposte per la prima volta in Europa, di Christian Boltanski (6 euro). Ed ancora, è visitabile fino al 31 ottobre la mostra multimediale più vista al mondo, 'Van Gogh Alive', dedicata alla vita e alle opere dell'artista, nell'ex Chiesa di San Mattia in via Sant'Isaia.

Bologna, tappa importante lungo la bimillenaria Via Emilia, è una destinazione perfetta per un week end di autunno anche oltre i tour artistici. L'antica Bononia è unica per i suoi portici, le torri antiche del centro, i canali d'acqua segreti che in alcuni scorci ricordano addirittura un po' Venezia (in via Capo di Lucca e via Piella e davanti al Museo del Patrimonio Industriale nel quartiere Navile). Ma è anche la città delle osterie e del buon cibo: passeggiando nella zona medioevale, fra le Due Torri, Piazza Maggiore, Piazza Santo Stefano, s'incontrano tanti piccoli locali caratteristici, in vicoli pedonalizzati e sotto palazzi meravigliosi, animati fino a tarda sera, botteghe tipiche, il Mercato di Mezzo e il Mercato delle Erbe. Il consiglio è di girare a piedi e fermarsi magari in una delle tante gelateria artigianali. Proprio appena fuori città, ad Anzola Emilia, c'è il Museo del Gelato: si trova nella sede della storica azienda Carpigiani e si possono seguire corsi e laboratori di gelato.

Un altro tour interessante è Genius Bononiae, che si snoda fra i palazzi storici. E se si ha poco tempo si può salire sul Red Bus, che accompagna con guida i turisti, volendo fino al panoramico Santuario di San Luca.