Post-it

A Bologna torna l'Arte Fiera delle prime volte

Debutto per nuova direzione di Vettese: 'Puntato su qualità'

Redazione ANSA

BOLOGNA, 26 GEN - Un'Arte Fiera di prime volte. La prima sotto la presidenza dell'ente fieristico di Franco Boni. E, soprattutto, la prima della nuova direzione artistica di Angela Vettese. Prime volte ma anche conferme, a partire dal ritorno di Art City Bologna - notte bianca compresa -, programma di iniziative culturali in città nato in collaborazione con il Comune. Nei padiglioni, nel frattempo, saranno 178 espositori complessivi di cui 153 gallerie i protagonisti di questa 41/a edizione della fiera internazionale d'arte moderna e contemporanea dal 27 al 30 gennaio. Curatela e mercato le parole chiave del nuovo corso con una maggiore selezione delle gallerie perché, come ha spiegato Vettese illustrando il progetto "la mia prima condizione è stata ridurre il numero delle gallerie e mi è stato consentito. Nell'arte la qualità non è la quantità".

Tra le novità 2017 (anche se, come ha detto Vettese che ha iniziato a giugno a occuparsi dell'anima inevitabilmente più commerciale dell'arte, "non sarà questa l'edizione con il rinnovamento eclatante che ci si poteva aspettare") una maggiore commistione tra moderno e contemporanea, senza, quindi una rigida divisione dei due periodi come nelle scorse edizioni.

Per quanto riguarda le sezioni oltre alla main section (123 gallerie) e una serie di Solo Show (18 gallerie che propongono opere di un solo artista) scelte entrambe dal direttore artistico e da un comitato di selezione, ci sarà una piccola sezione di nuove proposte, Nueva Vista a cura di Simone Frangi; una sezione di fotografia curata dalla stessa Vettese; e una nuova sezione dal titolo Special Projects a cura di Chiara Vecchiarelli che porterà la performance oltre che in Fiera, al Mambo e nei musei bolognesi. Spazi cittadini che saranno i protagonisti - insieme anche a spazi nei padiglioni - di Art City Bologna, presentata dall'assessore alla cultura, Bruna Gambarelli, che nell'edizione 2017 innova la sua formula con una nuova sezione, Polis, coordinata dall'istituzione Bologna Musei e sostenuta e proposta da Arte Fiera con l'obiettivo di promuovere rassegne e interventi artistici concepiti in relazione alle caratteristiche peculiari degli spazi. Tra queste Viva L'Italia, rassegna cinematografica al Museo Civico Archeologico a cura di Mark Nash.

Tornando ad Arte Fiera, infine, oltre al ricco programma di talks, tornano anche i premi, a partire dal Premio Euromobil under 30 arrivato all'undicesima edizione a cui si affiancano il Premio della fondazione Videoinsight, il premio Rotary Valle del Samoggia per l'installazione più creativa e il premio ContemporaryToung promosso dai giovani di Unindustria Bologna.