Tirolo, molto più di un Carnevale!

Redazione ANSA

Maschere sfarzose ed arcaiche, figure mitiche e simboliche, costumi di seta ricamati a mano, carri allegorici, danze festose, sonori cortei e rappresentazioni toccanti ed avvincenti. Dietro ai riti delle feste di Carnevale in Tirolo si celano secoli di miti pagani e tradizioni, mesi di preparativi e un’eccellente arte manifatturiera. Dopo tre anni, si svolge il 17 febbraio 2019, il Carnevale di Nassereith: uno dei più sofisticati e colorati di tutto il Tirolo.

Il Tirolo austriaco sorprende per la varietà e la qualità delle manifestazioni carnevalesche che si tengono ogni anno tra febbraio e marzo. Le grandi sfilate, che richiedono molto impegno nell’allestimento, e che per questo si ripetono solo ogni 3-5 anni, attirano turisti da tutto il mondo. 

Quest’anno il Carnevale più atteso è lo Schellerlaufen di Nassereith, che si tiene il 17 febbraio 2019 nel piccolo paese omonimo del distretto di Imst, vicino al passo Fernpass. Protagonisti e interpreti di questo affascinante mondo ribaltato, che dal 2012 fa parte del patrimonio culturale immateriale dell’UNESCO, sono i "Roller", maschere dalle guance rosee, la bocca sorridente e gli occhi dai tratti femminili; e gli "Scheller", dalla pelle più scura, la barba e le folte sopracciglia. Queste figure antagoniste sfilano e danzano rappresentando la lotta tra la giovane primavera, simbolo di fertilità, e il vecchio, rigido inverno. Gli alti ornamenti sul capo, le grandi campane al collo e alla vita che risuonano aritmicamente, le movenze e l’espressività delle maschere, attirano lo sguardo estasiato del pubblico. Il Carnevale Schellerlaufen di Nassereith è conosciuto soprattutto per la “sfilata dei belli” (Schöne-Zug) e per i favolosi costumi in stile barocco e rococò: una sinfonia di colori realizzati ad arte. Ma al centro della sfilata c’è la lotta simbolica tra l’orso e il suo domatore, ovvero l’inverno che tiene imprigionata a sé la primavera. L’enorme maschera del domatore di orsi è la più preziosa della sfilata: una parrucca con capelli neri striati di grigio, un piccolo cappellino rosso e un costume di pelli di pecora. I due sfilano accompagnati dai “pifferai”, i “raccoglitori di monete” e dai “belli”, gli “schöne” per l’appunto. La figura più incisiva è lo “Sackner”, la più alta del gruppo, con la maschera di legno di una vecchia signora e una gonna lunga 20 metri di stoffa, che fa svolazzare mentre danza e grida, per fare spazio tra il pubblico a le altre maschere. La manifestazione si conclude alle ore 18, allo svanire del suono delle campane della chiesa, con la vittoria della primavera sull'inverno.

Le altre feste di Carnevale in Tirolo:

Il Corteo delle maschere di Weerer Fasnacht, il 17 febbraio 2019.
Dopo una pausa di quattro anni, torna anche uno dei più tradizionali carnevali della regione Tiroler Unterland. Altrettanto grande è l'attesa per questo evento, che coinvolge tutto il paese. Al centro della manifestazione ci sono i gruppi tradizionali degli Schellenschläger, le streghe e i Muller, ma anche i carri allegorici e i fantasiosi costumi che garantiscono risate e divertimento. Il corteo inizia alle ore 13 e percorre la Dorfstraße fino alla piazza del paese Dorfplatz. Segue un grande party nel padiglione riscaldato.

Il Wampelerreiten a Axams, il 3 marzo 2019.
Questa manifestazione del tutto spettacolare ma anche un po' rude si svolge ogni anno. Wampelerreiten significa "cavalcare sulla pancia" e consiste nel combattimento tra gruppi di uomini e giovani di Axams, che si affrontano in gonnella con enormi camicie imbottite di fieno. Anche questa è una tradizione carnevalesca di lunga data che inscena la battaglia tra l'inverno e la primavera.

Maggiori informazioni sulle belle sfilate di Carnevale in Tirolo: www.tirolo.com/carnevali

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: