Troppi ammiratori per i dragoni di Komodo: Giacarta vuole dimezzare turismo

Si teme per habitat isola indonesiana dove vivono lucertole alte tre metri

Redazione ANSA

GIACARTA - I dragoni carnivori dell’isola indonesiana di Komodo, le enormi lucertole alte quasi tre metri simili a terribili mostri preistorici, sono ormai diventate famose nel mondo e attirano circa 10 mila intemerati turisti al mese. Meno persone di quante attraggano le spiagge bianche e più rassicuranti di altri atolli dell’arcipelago ma troppe per mantenere intatto un habitat unico al mondo, decretato dall’Unesco patrimonio dell’umanità e sacro per la piccola popolazione umana locale che considera le spaventose bestie proprie divinità. Il governo indonesiano ha deciso – riferisce il Jakarta Post - che dovrà dimezzare a 5 mila il numero dei visitatori mensili e soprattutto vigilare sul loro comportamento.

Per niente impressionati dalle dimensioni dei dragoni e dal fatto che siano particolarmente attirati dall’odore del sangue, sono in molti – riferiscono le cronache locali - ad avvicinarsi con comportamenti poco rispettosi e di recente una sigaretta accesa lanciata da un turista ha mandato in cenere una decina di ettari dell’isola.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA