Slovenia, 5 motivi per sceglierla d'estate

Festival, concerti e un'infinità di attrazioni per tutta la famiglia

di Ida Bini

SLOVENIA - E’ il paradiso degli sportivi e di chi ama il buon cibo e la natura: la Slovenia è terra di imponenti foreste, laghi color smeraldo, grotte e fonti termali. D’estate ospita festival, concerti e un’infinità di attrazioni per tutta la famiglia. Ecco cinque buoni motivi per scegliere il Paese, cuore verde d’Europa, a due passi dall’Italia.

Sport, dalla bicicletta al kayak Dalle Alpi Giulie alla costa, dai laghi alpini alle grotte, la Slovenia offre un paesaggio molto vario, dominato da una natura incontaminata, che regala vacanze attive per tutti i gusti. Gli amanti delle due ruote hanno solo l’imbarazzo della scelta: piste ciclabili, tranquille e facilmente percorribili; itinerari tra i monti e i boschi per chi pratica la mountain bike e parchi ciclistici per tutta la famiglia. Tra i bike parks è imperdibile il Geopark Karavanke, patrimonio Unesco tra la Slovenia e l’Austria, che offre una pista ciclabile di 6 chilometri, unica nel suo genere perché scorre nelle profondità della terra. Alla luce di lampade frontali, una guida accompagna i ciclisti lungo le gallerie della miniera in disuso che attraversa la montagna, svelando i segreti del mondo sotterraneo del monte Peca. Persino le strutture alberghiere slovene sono pensate per chi viaggia in bicicletta: scaricando l’app Hiking and Biking in Slovenia, si trovano tutte le informazioni. Tra gli alberghi spicca l’Hotel Krvavec, sull’omonimo monte, con vista sulle Alpi e sulla valle di Lubiana: offre noleggio bici, ciclo-officina e lavaggio, deposito custodito e ingresso al bike park Krvavec, con 27 chilometri di piste per mountain bike e i più alti trampolini della Slovenia. Non c’è solo la bicicletta: chi ama praticare trekking ha a disposizione numerosi sentieri e percorsi escursionistici, che regalano scorci panoramici indimenticabili. Nel Paese è possibile praticare anche l’arrampicata sportiva, il parapendio e numerosi sport acquatici, dal rafting al kayak e alla canoa sul fiume Isonzo, le cui acque color smeraldo attraversano valli suggestive. Si pratica anche il canyoning, che tra cascate e limpide piscine naturali soddisfa scalatori, nuotatori, escursionisti e amanti della natura.

Appuntamenti e festival La capitale Lubiana ospita fino al 31 agosto un festival che porta il suo nome ed è la manifestazione più antica e importante della Slovenia: il calendario è ricco e varia dai concerti all’opera, dal teatro al balletto con la presenza di artisti di fama internazionale. Sede principale del festival è il pittoresco teatro estivo di Križanke, gioiello del XIII secolo, ricostruito nella sua attuale forma dal celebre architetto sloveno Jože Plečnik. Info: www.ljubljanafestival.si/en Dal 15 settembre al primo ottobre, nella valle dell’Isonzo e nell’area delle Alpi Giulie si terrà il festival dell’escursionismo con tanti appuntamenti, conferenze, mostre e proiezioni cinematografiche. Cuore della manifestazione saranno le passeggiate e le escursioni guidate, alla scoperta di itinerari di interesse storico, artistico e naturalistico. Tra questi spiccano lo splendido parco nazionale del Triglav, noto per gli sport acquatici adrenalinici, e il sentiero della Pace, costellato di trincee, fortificazioni, caverne, monumenti commemorativi e cimiteri militari, a testimonianza delle battaglie della Prima guerra mondiale sul fronte isontino. Dal 17 agosto al 14 settembre la città di Pirano ospita il Tartini festival, manifestazione internazionale di musica da camera, dedicata all’opera di Giuseppe Tartini, grande virtuoso violinista e compositore. Pirano è la città dove l’artista nacque nel 1692 e dove ricevette le prime lezioni di musica e di violino; i concerti eseguiti da musicisti di fama mondiale sono previsti nel chiostro dei Frati minori, in alcune chiese e nei palazzi del centro. Infine a Portrose, nell’Istria slovena, dall’11 al 15 agosto si può assistere all’evento Notti di Portrose, che accenderà l’elegante località balneare con un ricco programma musicale e con uno spettacolo finale di fuochi d’artificio e giochi d’acqua.

Gastronomia Gli ottimi ingredienti locali e la riscoperta della cucina tradizionale hanno dato vita a una gastronomia d’autore molto prestigiosa, che ha ottenuto riconoscimenti internazionali. Passando dai bistrot ai ristoranti e agli agriturismo si scoprono oltre 170 piatti tradizionali, preparati con ingredienti locali: ortaggi e cereali dei campi, frutti selvatici, carne, prodotti caseari dei pascoli e il miele delle api slovene, famoso in tutto il mondo. Ecco i migliori chef sloveni e le loro creazioni: Ana Roš, premiata quest’anno come miglior chef donna, crea i propri capolavori nella sua casa di campagna a Kobarid (Caporetto), nella valle dell’Isonzo, a pochi chilometri dal confine con l’Italia. Il ristorante Hisa Franko, “La Casa Franko”, è di proprietà del marito Valter Franko, produttore di un favoloso vino del Collio sloveno. Nel menu ci sono funghi, erbe selvatiche, fiori, nocciole, noci, castagne e mele di stagione, oltre alle ottime trote delle acque turchesi dell’Isonzo. Janez Bratovž, chef di fama mondiale, propone creazioni culinarie audaci e originali: i piatti che propone nel suo JB Restaurant, nel centro di Lubiana, sono il risultato di ingredienti freschi cucinati secondo un gusto mediterraneo, francese e tradizionale sloveno. Tomaž Kavčič è lo chef europeo più innovativo del 2017: cuoco di quarta generazione, ha ereditato l’amore per la cucina dalla madre Katja. Il suo ristorante Pri Lojzetu, che si trova nel castello di Zemono, propone i sapori genuini della valle di Vipava e ricette tradizionali; lo chef è conosciuto per la sua tecnica rivoluzionaria della piastra di sale, che gli consente di utilizzare il sale integrale delle saline di Pirano per preparare pesce e carne, una cucina genuina che utilizza materie prime locali di grande qualità, dagli scampi dell’Adriatico al tartufo bianco istriano.

In viaggio con i bambini La Slovenia è la meta ideale per tutta la famiglia, dove le strutture ricettive e i servizi sono studiati per le esigenze di chi viaggia anche con i bambini. Ecco qualche suggerimento di luoghi e di attrazioni per una vacanza in famiglia: le famose grotte di Postumia, che distano appena 40 chilometri dal confine italiano, sono le uniche al mondo che prevedono una parte della visita a bordo di un trenino, attivo da 140 anni, che si fa strada tra rocce e stalattiti. Le grotte, inoltre, ospitano un vivaio dove poter ammirare il Proteo, una creatura misteriosa simile a un piccolo drago, l’unico vertebrato europeo che vive solo nel mondo sotterraneo. Un’altra attrazione da non perdere è Lipica, sul Carso sloveno, a due passi da Trieste, dove vive una delle razze equine più pregiate al mondo, quella lipizzana, fortemente legata alla storia della corte asburgica. Nella località slovena si trova la più antica scuderia europea, con una storia di oltre 400 anni; qui i bambini possono visitare il museo, conoscere da vicino i pony e i cavalli lipizzani e imparare a comunicare con loro. Inoltre è possibile assistere allo spettacolo di dressage, fare lezioni di equitazione e giri in carrozza. Il paesaggio sloveno è punteggiato da castelli, palazzi, fortezze e manieri, tutti luoghi ricchi di storie e di leggende, perfetti da scoprire con i più piccoli. Ecco i castelli più famosi: Bled è un maestoso maniero che domina dall’alto della scogliera il romantico lago sottostante; nelle stanze del castello si trova la misteriosa campana dei desideri. Il castello di Lubiana è uno dei luoghi più visitati nella capitale slovena: offre una vista mozzafiato e, nelle belle giornate di sole, dalla sua torre di avvistamento si vede quasi un terzo dell’intero Paese. Il castello di Predjama, vicino alle grotte di Postumia, è il più grande al mondo costruito in una grotta: il maniero è incastonato in una parete rocciosa alta 123 metri e consente, attraverso gallerie sotterranee segrete, un collegamento alle grotte sottostanti. Infine, a pochi passi dal parco acquatico delle terme Čatež, al confine con la Croazia, sorge un vero villaggio indiano, composto da 25 tende tutte dotate di 4 letti, tavolo, sedie, armadi e una mini cucina per una vacanza originale, sognando la vita dei pionieri del Far West; una location perfetta per una vacanza con i bambini.

Terme La Slovenia offre oltre 20 stazioni termali e, ognuna, un diverso tipo di soggiorno: dai tradizionali trattamenti curativi agli innovativi programmi di bellezza e relax. In alcune località termali, inoltre, sorgono anche parchi acquatici all’aperto, dotati di audaci scivoli, rapide e canali, programmi di surf e altre attrazioni. Ecco 3 centri famosi, al confine con la Croazia: Thermana Laško, terme Čatež e terme Olimia. Il centro Thalasso Spa Lepa Vida, a sud di Portorose, si distingue per l’eccezionale posizione all’interno del parco naturale delle millenarie saline di Sicciole, dove ancora oggi si ricava il sale in modo tradizionale. Qui l’immediata vicinanza dell’Adriatico e la sua influenza hanno permesso lo sviluppo della talassoterapia. Chi ama la montagna, tra i boschi del massiccio del Pohorje, nella Slovenia nord-orientale, trova le terme Zrece: il paesaggio offre fonti termali e un’infinità di sentieri, percorsi escursionistici e ciclabili e scorci indimenticabili. Accanto alle terme c’è un ottimo centro wellness nell’Hotel Natura, specializzato in massaggi rilassanti con miele di bosco. Per organizzare il viaggio: www.slovenia.info

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA