Anche Dubai può essere low cost, ecco le dritte giuste

Mangiare e divertirsi per due giorni con meno di 150 euro

Redazione ANSA

Con tante attività tra cui scegliere, Dubai è la città perfetta per ogni tipo di budget e per ogni tipo di vacanza, in famiglia, tra amici e in coppia. Qui un itinerario lowcost per scoprire tutto il meglio di Dubai in 48 ore!

Giorno 1 – budget totale: euro 50
COLAZIONE:per iniziare la giornata con il piede giusto, la colazione da Raju Omeletè d’obbligo! Questolocale offre il tipico street food indiano con tazze di tè aromatici all’interno di uno spazio accogliente e pocket-friendly (costo medio: AED10-15, circa 3-4 €).

MATTINO: ammirare Dubai da un’altra prospettiva navigando sul Creek con l’Abra, tipica imbarcazione emiratina, al costo di 1 solo AED (circa 0,20€)! Con l’Abra è possibile arrivare fino ai souq del quartiere storico di Al Fahidi, qui ci si può perdere tra i colori e i profumi di questi tipici mercati locali, e perché no, concludere anche qualche buon affare!

PRANZO: il modo più semplice per pranzare quando si viaggia con un budget limitato o semplicemente perfare una pausa veloce sulla propria tabella di marcia, è fermarsi in uno dei tanti Eat& Drink Restaurante ordinare un Shawarma (meglio conosciuto come Kebab)! Questi ristoranti sono aperti da moltissimo tempo e sono cari agli abitanti che per soli 5AED (circa 1,20€) possono godersi uno dei più gustosi Shawarma della città.

POMERIGGIO: andare alla scoperta della storia e la cultura locale esplorando l’Al Fahidi Historical District. Questo quartiere offre diverse attività, come la visita presso lo Sheikh Mohammed Centre for Cultural Understanding (costo medio: AED 120, circa 27€), il Coffee Museum (gratuito) e il Dubai Museum (costo medio: 3 AED, 0,70€).

CENA: il più amato ristorante di pesce di Jumeirah? Senza dubbio il BuQtair, un must-try della città! Grazioso ed economico, il ristorante è specializzato nella frittura di pesce e per i suoi gamberetti: semplicemente epici! (costo medio: AED 120 per due persone, circa 28€).

SERA: dopo cena una passeggiata nella zona di Dubai Marina è perfetta per godersi una delle viste più belle della città. Totalmente gratuita e a tratti romantica, è ricca di locali tutti da scoprire!

Giorno 2- budget totale: euro 95

COLAZIONE: per una colazione con porzioni abbondanti ad un prezzo assolutamente accessibile, che viene preparata con prodotti organici e locali, il tutto abbinato ad un servizio casual e molto amichevole, la Surf House Dubai (costo medio: 200 AED per due persone, circa 45€) è il posto perfetto.

MATTINO: affittare una tavola da SUP (stand-up paddleboard) presso la Surf House Dubai a soli 80 AED (CIRCA 19€), buttarsi nelle acque cristalline che circondano il Burj Al Arab e scattare la foto perfetta di una delle icone più famose della città!

PRANZO: molto conosciuta e frequentata da tutti i residenti a Dubai per uno spuntino veloce, economico e sano è la catena di ristoranti Zaatar w Zeit(costo medio: 30 AED, circa 7€). Da provare!

POMERIGGIO: per una fuga dalla città è possibile affittare un’automobile a 60-80 AED (circa 14-18€) al giorno con una delle tante compagnie di noleggio e a solo un’ora di strada si può raggiungere Hatta, per un po’ di attività all’area aperta tra le sue bellezze naturali. È possibile affittare kayak e paddle board a meno di 100AED (circa 23€) e a organizzare un giro in mountain bike.

CENA: la scelta migliore per provare la cucina pakistana a prezzi modici? Il Ravi Restaurant, (costo medio: 60 AED per due persone, circa 14€) uno dei must-try della città: cibo delizioso, economico e sicuro.

SERA: al Dubai Mall si trova una delle attrazioni più scenografiche della città, le Dubai Fountains. Queste fontane sono famose in tutto il mondo per le coreografie uniche che ogni sera ad intervalli regolari sorprendono e meravigliano (gratuitamente) i visitatori.

DOVE DORMIRE: nel cuore del quartiere storico di Al Fahidi District, a pochi passi da alcune delle attrazioni più importanti di Dubai (come il Dubai Museum, il Creek e lo Sheikh Mohammed Centre for Cultural Understanding) e a pochi passi dalla metro, sorge l’Orient Guest House, un rifugio perfetto per chi non vuole spendere troppo ma vuole comunque rilassarsi. Questa guesthousestile boutique ha 10 camere decorate in stile arabo in cui sembrerà di fare un tuffo nel passato. Nel cortile, i majlis(tipici sofà in stile arabo) a disposizione dei viaggiatori creano un’atmosfera intima e rilassata. Nelle vicinanze e sempre nello stesso stile, si trova l’ XVA Hotelche a differenza dell’Orient Guest House, ha unospirito più artistico anche perché è collegato ad una galleria d’arte. Per chi preferisce rimanere nella parte più brulicante della città, la scelta non può che ricadere sulla catena deiRove Hotels, che offre un’eccellente rapporto qualità-prezzo: hotel contemporanei, economice e dislocati in aree chiave della città.

Per uno stopover da vivere al massimo, il Dubai Pass è quello che ci vuole. Si tratta di una card che permette l’accesso a 33 diverse attrazioni chiave presenti in città risparmiando, diventando così la soluzione migliore per tutti i tipi di visitatori. Ci sono 2 diverse tipologie di pass: il Select al costo di 399 AED (circa 90€) validosettegiorni e chepermetteaivisitatori di scegliere al massimo 3 attrazionitraunalistamoltoampia, e l’Unlimited al costo di 899 AED (circa 205 euro) con un numero di ingressiillimitati a eventiedattività, ma con una validità di tre giorni.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: