Voglio vivere in Italia, gli stranieri raccontano

Dal 6 giugno su LaF. Direttore del museo di Paestum racconta Salerno

Nicoletta Tamberlich ROMA

Cosa ci trovano di speciale, tanto da lasciare il loro paese d'origine e scegliere come città del cuore località come Salerno, stranieri del calibro del direttore del Museo Archeologico Nazionale di Paestum o anche il pallanuotista serbo Vojislav Cupic? Mentre a Cosenza perché hanno deciso di fare base l'artista e wedding planner francese Antoinette Strauss o il professore gallese John Trumper? Con 10 puntate inedite prende il via la nuova stagione del format originale laF "Voglio Vivere in Italia", che racconta la provincia italiana attraverso gli occhi di Simone & Anna ed il punto di vista originale e inedito degli stranieri che hanno scelto di viverci. Le prime quattro puntate in anteprima a giugno sono dedicate a Salerno, Cosenza, Lecce e Campobasso, in quattro episodi da 30 minuti ciascuno, in onda dal 6 giugno ogni giovedì alle ore 21.10 su LaF (SKY 135), per proseguire poi in autunno con tante nuove mete.

I couchsurfers e travellers Simone & Anna ripartono a bordo del loro camper rosso, con l'obiettivo di riscoprire la provincia italiana - in particolare quella meno battuta e lontana dalle grandi città - attraverso il punto di vista originale e inedito di alcuni abitanti molto speciali: gli stranieri che hanno scelto di viverci e realizzare in questi territori i loro sogni. Il programma proseguirà poi in autunno con nuove destinazioni: quattro realtà del Sud, ricche di bellezze tanto quanto di contraddizioni, ma capaci di attrarre molti stranieri che proprio qui hanno trovato il loro "posto nel mondo", per amore della cultura, dello stile di vita e delle opportunità che offre il territorio e che spesso gli italiani non riconoscono o non vedono più. Imprenditori, professionisti, artisti, sportivi da ogni parte del mondo ospitano Simone & Anna nelle loro case. Il viaggio parte da Salerno, città immersa nel territorio che include alcune delle meraviglie più celebri del nostro Paese come Paestum, Pompei, la costiera amalfitana e le isole campane, ma la cui ricchezza si esprime anche e soprattutto nella dimensione umana e nello stile di vita che può offrire, oltre che in un'anima sorprendentemente attiva e culturalmente dinamica alcuni "locals" molto speciali: il tedesco Gabriel Zuchtriegel; la giapponese Kayo Fujiwara che, capitata a Salerno quasi per caso, ha costruito qui la sua famiglia e fondato la scuola internazionale High Five!; il pallanuotista serbo Vojislav Cupic e Paul Kone, originario della Costa D'Avorio, che, arrivato in Italia dopo lo scoppio della guerra civile, a Salerno ha trovato la sua "casa", e la fisioterapista argentina Susy Perez.

La serata del 6 giugno prosegue con la puntata dedicata a Cosenza, realtà nella quale convivono molteplici anime urbane: il centro storico che soffre da tempo di un evidente stato di abbandono, la città moderna, caratterizzata da grande fermento culturale e artistico, e il campus universitario di UniCalabria, polo d'eccellenza nell'informatica che richiama professori, ricercatori e studenti da ogni parte del mondo. A raccontare "la loro Cosenza" a Simone & Anna: l'artista e wedding planner francese Antoinette Strauss; il professore gallese John Trumper, esperto di linguistica di fama internazionale che vive da trent'anni nel centro storico e conosce tutti i dialetti calabresi; il professore russo Yaroslav D. Sergeyev, docente ordinario di Analisi Numerica; i giovani informatici Carolina e Seif, originari rispettivamente del Costarica e della Tunisia; infine il musicista africano Baba Sissoko, maestro indiscusso del genere Tamani e discendente da una grande dinastia di poeti e cantori del Mali. "Voglio vivere in Italia" è una produzione originale laF realizzata da EiE Film.

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA