L'arte ritrovata dai carabinieri in 50 anni

Da affreschi Pompei a falsa Artemide, ai Musei Capitolini

Redazione ANSA ROMA

ROMA - Ercole schiavo d'amore della mitica regina Onfale sul sarcofago del II secolo d.C. e la Battaglia delle Amazzoni, così viva sul marmo che pare di toccare i muscoli tesi, di cui sembravano perse le tracce. Gli affreschi pompeiani con i grandi mascheroni del teatro, individuati e restituiti, dopo lunghe trattative, dal Getty di Malibu e dal Metropolitan di New York. E poi, quasi in un confronto poliziesco all'americana, ecco la bellissima Artemide marciante celebrata da Augusto, scavata clandestinamente nel casertano e pronta a essere venduta all'estero, ora a tu per tu con le sue copie false, in gesso e marmo, forse anch'esse destinate al mercato o forse realizzate dai trafficanti per sviare le indagini ormai incalzanti.

Sono i 50 anni di opere e storie de L'arte ritrovata, mostra che fino al 26 gennaio, nelle Sale Terrene del Palazzo dei Conservatori dei Musei Capitolini, celebra il mezzo secolo di impegno dell'arma dei carabinieri e del Nucleo tutela patrimonio culturale, nato nel 1969. "Una mostra quasi antologica", raccontano i curatori Daniela Porro, direttore del Museo Nazionale Romano, e l'archeologo Alessandro Mandolesi, frutto della collaborazione tra il Nucleo Tpc e il Centro Europeo per il Turismo e la Cultura. In tutto, 30 opere, dall'VIII secolo a.C. al Barocco, che raccontano, dice la Porro, "una lunga stagione di saccheggi, furti, esportazioni illecite e falsi immessi sul mercato". Ma "accanto alle storie investigative'', aggiunge il colonello Alberto Deregibus, vicecomandante dei Carabinieri Tpc, "è anche un esempio, soprattutto per i giovani, di cultura della legalità. E dimostra quanto sia importante la restituzione delle opere al contesto da cui sono state asportate". Come la fiera Tyche, la Dea Fortuna rientrata in Italia nel 2007 dagli Usa. O i tre olii con scene sacre di Garofalo, Carracci e Guercino, rubati proprio durante i riallestimenti dei Musei Capitolini nel 1999 e rivenuti poco dopo a Latina. Tutti destinati a soddisfare le brame di venditori e collezionisti privati, come testimoniano le immagini di grandi sequestri, ma che oggi tornano patrimonio di ogni cittadini.

"In alcuni casi, come per Medici e Becchina - racconta Mandolesi - i trafficanti erano così metodici da conservare dettagliatissimi archivi fotografici di ciò che aveva trafugato, aiutandoci a capire la provenienza o la destinazione dei reperti". "A 50 anni - prosegue il colonnello Deregibus - si stila anche un bilancio. Abbiamo recuperato quasi due milioni di opere. E dobbiamo fare ancora tanto. Nel frattempo però il mondo è cambiato. C'è più sensibilità, sono nati reparti speciali di polizia con cui si può dialogare. Ma devono essere coinvolti, tutti, anche i cittadini, ad esempio con la nostra app con cui verificare dal cellulare se un oggetto d'arte è rubato". L'opera che ancora si cerca disperatamente? Non ha dubbi il colonnello: "La Natività di Caravaggio rubata a Palermo nel 1969". C'è speranza, invece, per il "mosaico con testa simile a Medusa", cui pensa il direttore Porro. "Scoperto nel 1911 in via Emanuele Filiberto a Roma - dice - faceva parte di una serie di tre di una domus romana, affidata al Museo nazionale romano. Negli anni '50 il pezzo sparì, ricomparendo poi al Getty. Ma è già avviata una rogatoria internazionale".

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA