In cammino sulla via Appia, vero "luogo dell'anima"

Russo, guida fatta camminando. Urcioli, estendere a altre vie

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 4 DIC - Una guida fatta "camminando" per un vero "luogo dell'anima" che si è conservato fino a noi nonostante l'usura del tempo e le violenze di quelli che Cederna chiamava i "gangster dell'Appia". La neodirettrice del Parco del Colosseo Alfonsina Russo presenta così "'In Cammino sulla via Appia nel Lazio. Al passo con la storia tra Roma e il Garigliano' a Palazzo Patrizi Clementi a Roma. "E' un volumetto - spiega la Russo - veramente sentito con cui l'autrice Maria Teresa Natale, che è una grande camminatrice, valorizza anche gli aspetti più sconosciuti di questa via. E il 9 dicembre metteremo tutto in pratica con una passeggiata da Roma all'antica Bovillae (info su www.appasseggio.it)".
    La Regina Viarum, la più nota e importante tra le vie consolari romane, è un susseguirsi, da Roma al Garigliano, di ville storiche, di scorci suggestivi che incorniciano cittadine, campi e monti, è uno scrigno di vicende, di curiosità e segreti e anche di "emergenze archeologiche". La guida fornisce al viaggiatore, oltre a consigli pratici e informazioni utili al cammino (schede tecniche di ogni tappa, descrizione dei punti di interesse, box per approfondimenti e notizie particolari), mappe di facile consultazione disegnate a mano e contenuti sonori aggiuntivi facilmente fruibili tramite QRcode.
    "Mi ha talmente affascinato questo progetto - dice il soprintendente Saverio Urcioli - che vorrei usarla anche per la via Latina e altri percorsi, anche più antichi. Specialmente in questo momento in cui l'archeologia e la cultura hanno bisogno più che di conservazione di comunicazione". "E' una splendida iniziativa - commenta Caterina Bon Valsassina, direttore generale Archeolgoia, Belle Arti e Paesaggio Mibact - proprio perché si tratta di veri e propri itinerari". "Si tratta di un ottimo spunto non solo per chi va piedi - afferma Mario Tozzi, presidente del Parco regionale dell'Appia Antica - e nell'ambito della riscoperta europea dei cammini la via Appia è centrale".
    "Nulla è stato trascurato in questa guida" spiega Rita Paris direttore del Parco dell'Appia Antica, che però sottolinea: "Camminare sull'Appia è un camminare diverso. Non nascondo che ci sono tante situazioni complicate, come le catacombe di San Pretestato che sono inglobate in una proprietà privata e sono invase dalla vegetazione e in condizioni disastrose dal punto di vista del restauro. Dovrebbero invece essere tutelate e visitabili sia che restino ai privati sia che diventino pubbliche. Nei giorni scorsi Franceschini, ad esempio, mi ha dato mandato per completare l'acquisizione del mausoleo di Sant'Urbano".
    "La nostra regione - dice la consigliera regionale del Lazio Daniela Bianchi - è un intersecarsi continuo e fitto di strade, mondi, cammini e tradizioni e da questo siamo partiti anche per la legge sui cammini e per dimostrare cosa la nostra regione può essere a livello valoriale. Diciamo che tutte le strade portano a Roma, ma soprattutto che tutte le strade partono da Roma...".
    (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA