Dal Louvre a Perugia, torna Sassoferrato

Riuniti capolavori del maestro che guardò a Perugino e Raffaello

di Nicoletta Castagni ROMA

PERUGIA - Dopo più di due secoli torna a Perugia 'L'Immacolata Concezione', capolavoro di Giovan Battista Salvi detto il Sassoferrato trasferito dai commissari imperiali di Napoleone al Louvre. L'occasione è una grande mostra dedicata al pittore marchigiano e allestita dal 7 aprile all'1 ottobre negli spazi del complesso benedettino di San Pietro, che proporrà un suggestivo confronto con l'opera di Perugino e Raffaello, cui il Salvi molto si ispirò mentre elaborava una sua cifra originale.

Intitolata 'Sassoferrato dal Louvre a San Pietro: la collezione riunita', l'importante rassegna, che permette di riscoprire il talento del maestro seicentesco, è frutto della collaborazione tra il Louvre, la Galleria Nazionale dell'Umbria, la Galleria Nazionale delle Marche e con altre istituzioni, prima fra tutte la Fondazione per l'Istruzione Agraria, (presieduta dal Magnifico Rettore dell'Università di Perugia, Franco Moriconi), cui si deve l'eccezionale prestito del museo parigino. E anche la disponibilità di una sua sede, la Galleria Tesori d'Arte, per ospitare parte del percorso espositivo.

Accanto all'' Immacolata Concezione' del Louvre sarà infatti esposta una quarantina di dipinti, e non solo del Sassoferrato.
I curatori Cristina Galassi e Vittorio Sgarbi hanno puntato a offrire al largo pubblico e agli studiosi anche un confronto con gli artisti della Rinascenza che furono gli imprescindibili modelli stilistici per il Salvi. Le opere del Sassoferrato allestite a Perugia provengono, spiega la Galassi, da varie raccolte pubbliche e private italiane e straniere e tra l'altro ''si potranno ammirare quelle (ben 17) eseguite per il complesso benedettino di San Pietro''.

Sono stati selezionati invece tra i tesori d'arte dei musei cittadini i capolavori di Perugino (tra cui figurano le cinque tavolette della predella del grandioso polittico un tempo sull'altare maggiore della Basilica e il bellissimo 'Cristo in pietà', realizzato negli anni della sua estrema maturità), capaci di testimoniare l'enorme influsso del maestro di Città di Castello anche durante il '600, soprattutto per la purezza formale delle immagini che lo contraddistingueva. Pari interesse Sassoferrato lo riservò alle opere umbre di Raffaello. In mostra verranno messe a confronto due copie della 'Deposizione' Borghese del genio urbinate, la prima di Orazio Alfani, la seconda del Cavalier d'Arpino (provenienti dalla Galleria Nazionale dell'Umbria) con la bella versione dipinta da Sassoferrato nel 1639. Spazio significativo sarà riservato anche alla cosiddetta 'Madonna del Giglio', immagine devozionale che assicurò grande notorietà al Sassoferrato, ispiratosi per l'occasione a un dipinto di Giovanni di Pietro detto lo Spagna, dotatissimo seguace di Perugino e Raffaello.

Di fronte a opere del genere, continua Cristina Galassi, gli studiosi si sono interrogati sull'effettiva originalità della pittura dell'artista. ''In realtà, e la mostra lo conferma in pieno, sarebbe sbagliato considerare il Salvi un mero imitatore, perché, come ha acutamente osservato Federico Zeri, egli non si limita a copiare le opere degli artisti presi a modello, ma aggiunge sempre la sua personale interpretazione''. Basti pensare al confronto (in mostra) tra la bellissima Maddalena del Tintoretto e la versione di mano del Sassoferrato, ''dove le forme turgide e quasi sensuali del pittore veneto vengono riproposte dal Salvi con un linguaggio più asciutto e temperato''.

In mostra, d'altra parte, saranno presenti le opere in cui il maestro marchigiano si svela in tutta la sua eccezionale originalità. ''Ecco dunque - spiega la curatrice - la 'Giuditta con la testa di Oloferne', tra i capolavori del '600 italiano, la grande 'Annunciazione della Vergine', opera di rara finezza esecutiva, i santi Benedetto, Barbara, Agnese e Scolastica, lavori in cui l'artista, pur rispettando l'autorità dei modelli, mette da parte ogni forma di deferente imitazione. Esemplare, in tal senso, è anche la 'Madonna con il Bambino e Santa Caterina da Siena', concessa dalla Fondazione Cavallini Sgarbi, autentico vertice della pittura religiosa del'600".
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA